banner Profile Mobile

Doppia accelerazione
Il futuro è arrivato in anticipo!

immagine

Pubblichiamo, per gentile concessione dell’editore, l’introduzione al volume Doppia accelerazione. Strategie scelte dal MIT per il nuovo scenario competitivo curato da Alberto Mattiello e Carlo Robiglio (Guerini Next, 224 pagine). Il libro esplora un nuovo paradigma emergente, una doppia accelerazione – dovuta allo sviluppo delle tecnologie e alla pandemia – che riconfigura definitivamente il modo in cui si fa impresa. Il saggio accoglie un ventaglio di riflessioni tratte dalla prestigiosa MIT Sloan Management Review e arricchite da un controcanto di idee elaborate da due curatori, oltre che dall’illustrazione di svariati casi d’innovazione internazionali. L’introduzione è firmata da Alberto Mattiello.

Iscriviti alla newsletter

Vi ricordate il film The Wolf Of Wall Street con Leonardo Di Caprio? In una scena diventata epica il protagonista Jordan Belfort e un collega lanciano un nano vestito a strisce gialle e nere come una freccetta verso un bersaglio, il tutto al centro di una folla di broker finanziari in pieno delirio. Un’immagine molto forte che, da quando è iniziata la Pandemia, è diventata a mio avviso una icona della trasformazione che stiamo vivendo.

È infatti una interessante allegoria di quello che ci sta succedendo e ritrae l’impotenza con la quale spesso siamo stati costretti a viverla. In fondo noi e le nostre aziende siamo stati lanciati a 4 mani come quel nano da due grandi trasformazioni, una tecnologica e una culturale, che ci hanno fatto atterrare in un futuro che spesso non abbiamo fatto in tempo a fare nostro. Da un lato infatti siamo nel triennio in cui una serie di tecnologie stanno andando a maturazione cambiando in modo sensibile le regole della competizione e le dinamiche di qualsiasi mercato.

La trasformazione tecnologica

Per esempio la connessione 5G e i device che ne fanno uso in poco tempo diventeranno lo standard di mercato. Per capire la capacità trasformativa che hanno le tecnologie di connessione sui mercati e sulle dinamiche sociali ci basti pensare a come è cambiato il nostro modo di vivere e lavorare durante il precedente passaggio dal 3G al 4G.

Quel cambio tecnologico portava la banda larga nei nostri device mobili trasformando la fruizione dei Social Network da testo e immagini a veri palinsesti televisivi personalizzati. In quel periodo si sono diffuse le applicazioni entertainment di video streaming (Netflix, Amazon Prime Video, Hulu…) e servizi di videocomunicazione (Zoom, Teams, GoToMeeting…) oltre a giochi in modalità multiplayers. È solo con il 4G che abbiamo iniziato ad accedere a veri e propri servizi digitali che ci hanno permesso per esempio di viaggiare con un navigatore sempre in tasca e senza nemmeno aver bisogno di fare il check-in in aeroporto.

Queste sono solo alcune nuove modalità di utilizzo dei nostro smartphone che con il 3G non erano nemmeno immaginabili. La trasformazione e le opportunità che si stanno per generare nei prossimi anni sono forse ancora più grandi e non è una coincidenza che il 5G sta attirando anche un grande dibattito politico globale, che vede gli Stati Uniti cercare complicità per contrastare lo strapotere della tecnologia cinese in questo settore.

doppia accelerazioneIl 5G infatti diventa il canale di accesso a tutto quello che il cloud ci può offrire, trasformando i nostri device in portali per sistemi di storage, computazione e servizi di intelligenza artificiale che non hanno più i limiti del device che stiamo utilizzando. La memoria, la capacità di elaborazione, che fino a oggi sono stati elementi dirimenti tra la scelta di un telefono, con il 5G perderanno di significato: potrò avere tutto il machine learning e la forza computazionale che mi serve prendendola dal cloud e potrò in tempo reale monitorare e gestire processi anche molto complessi direttamente dal mio telefono. Gestire una manifattura robotizzata o operare una macchina in remoto diventerà non solo possibile ma farà parte di un nuovo modo di intendere il lavoro. In sintesi se il 4G ci ha permesso di connetterci tutti, con il 5G ci connetteremo con tutto.

Oltre al 5G si registrerà quindi un crescente sviluppo di grandi capacità computazionali accessibili in cloud in modo sempre più semplice ed economico. Questo porta a un conseguente incremento nell’utilizzo di servizi di Intelligenza Artificiale che fanno da piattaforma per nuove economie basate sulla possibilità di creare conoscenze inedite elaborando enormi quantità di dati (vedi anche Cosa dobbiamo aspettarci dall’Intelligenza Artificiale? – Cromosoma Innovazione, 2019). Se infatti le applicazioni di IA fino a pochi anni fa erano più vicine a degli statement di marketing che a delle vere e proprie applicazioni, oggi è difficile immaginare una impresa che non faccia uso di applicazioni di machine learning, di computer vision o di riconoscimento vocale.

Ultimo ingrediente dell’accelerazione tecnologica in atto è la ricerca che sta portando sul mercato sempre più numerose applicazioni robotiche – robot intelligenti e collaborativi – che escono dal mero utilizzo nelle fabbriche ed entrano nelle nostre abitazioni dando all’intelligenza digitale che tipicamente teniamo nelle nostre tasche, la possibilità di manipolare il mondo in cui viviamo. Nel primo volume della collana The Future Of ManagementCromosoma Innovazione, 2019 – avevamo raccolto diverse visioni interessanti su questo tema e sulle trasformazioni che lo sviluppo tecnologico sta generando come per esempio la trasformazione cognitiva (Gestire Bot che gestiscono il Business di Tim O’Reilly – Oggi digitale, domani cognitivo di Ginni Rometty) e quella robotica (La conquista dello spazio e il nuovo paradigma della Robotic Transformation).

La trasformazione culturale

Oggi però dobbiamo aggiungere un secondo elemento alla trasformazione tecnologica: la Pandemia ha generato una inimmaginabile trasformazione culturale veloce ed estesa verso l’utilizzo del digitale. Tra febbraio e maggio del 2020 siamo stati tutti protagonisti di un lockdown globalizzato che ci ha forzato a portare nel mondo digitale la totalità delle attività di formazione, di business e di relazioni personali. In pochissime settimane, scuole, aziende e professionisti hanno dovuto riorganizzarsi eliminando ogni componente fisica alle diverse attività. Il risultato è che in pochi mesi le aziende hanno scoperto di poter remotare parte del lavoro con un effetto sul lungo termine di poter scegliere di liberare i propri dipendenti dagli obblighi del pendolarismo.

Le scuole, nello specifico gli studenti e i professori hanno imparato a utilizzare le piattaforme digitali e hanno appreso come trasportare le dinamiche delle aule fisiche nel virtuale. Non che questo possa sostituire l’importanza del costruire un gruppo che ha bisogno anche di relazioni fisiche ma hanno aggiunto la possibilità di affiancare anche una modalità diversa di interazione. Il mondo degli acquisti e dello shopping ha subito un impulso importante verso il commercio elettronico. Si pensi che nelle prime settimane di lockdown in Italia tra chi ha fatto acquisti online, la percentuale di persone che si avvicinavano a questa modalità per la prima volta erano più del 70%. Si può dire che il Covid-19 ha portato nel mondo digitale una generazione di persone che prima non avevano nulla a che fare con questo mondo e i dati ci dicono che oggi molti di questi hanno elaborato delle abitudini digitali che non se ne andranno con il virus.

Anche oggi, in questo mondo di semi-libertà ancora schiavo del Covid-19, possiamo vedere gli effetti in tanti nuovi comportamenti. Pensiamo per esempio il rapporto con i QR code prima e dopo la Pandemia. Esistono da 15 anni, fino a gennaio 2020 in pochissimi li sapevano utilizzare, oggi sono diventati lo standard di accesso ai menu in tutto il mondo.
Quello che vogliamo sottolineare è che il Covid-19 non ha generato nuove tecnologie o non ha cambiato le direzioni secondo le quali si stavano muovendo gli sviluppi del digitale: aumentare l’automazione, ridurre le distanze delle catene del valore, spostare parte delle attività commerciali sul digitale erano già delle necessità e delle priorità prima della Pandemia.

Lo stesso sistema educativo, il mondo lavorativo e tutto il business dell’intrattenimento erano già in una fase trasformativa che però avrebbe richiesto anni e non settimane per un reset dei modelli alla base del loro funzionamento. Quello che il Covid-19 ha effettivamente fatto è di dare un palco strutturato e un ritmo inesorabile a queste trasformazioni annientando inerzie e resistenze culturali che altrimenti avrebbero richiesto decenni per essere superate. La nostra responsabilità adesso è fare in modo che i benefici di questo strappo in avanti non vadano persi in un tentativo resiliente di tornare allo stato precedente.

Non possiamo permetterci di sprecare questa grande crisi globale per non cercare di dare benefici a lungo termine alla trasformazione forzata che stiamo ancora gestendo. Per questo nel secondo volume della collana abbiamo voluto raccogliere diversi spunti che possono aiutare a ripensare il nostro stile di management in un periodo soggetto alla Doppia Accelerazione. I paper accademici presi da diversi edizioni della rivista MIT Sloan Management Review, che raccoglie i principali pensieri sul mondo del management e della tecnologia, hanno l’obiettivo di dare una base scientifica alle domande che ogni manager e imprenditore si sta ponendo nella guida delle proprie organizzazioni.

Quattro punti di vista sull’accelerazione

E lo abbiamo fatto considerando le organizzazioni da quattro punti di vista:

Company acceleration. In questa sezione ci si concentra su come il digitale e la digitalizzazione cambiano il modo di interpretare i mercati e di conseguenza come lo stile di leadership si deve adeguare. Si parla dei topic attuali come modelli di business e custo- mer service predittivi oltre a come connettere partner, marchi e persino concorrenti in ecosistemi a prova di futuro.

Product/service acceleration. Questa parte del libro mostra perché le logiche tradizionali della concorrenza non valgono in questa nuova realtà figlia della Doppia Accelerazione. Si coprono temi come i due cicli di rivoluzione digitale ai modi migliori per ridisegnare l’offerta esistente. Mette in guardia anche sugli evidenti pericoli di trovarsi nella posizione di intermediario e fornisce intuizioni pratiche su come portare valore direttamente ai consumatori sfruttando le nuove tecnologie.

Workplace acceleration. Non c’è dubbio che l’IA entrerà sempre di più nel nostro posto di lavoro. Questa sezione è dedicata alle best practice, radicate nella ricerca scientifica, su come trasformare le persone e la collaborazione con le Intelligenze Artificiali per creare vantaggio competitivo e quali sono le competenze in cui dovrebbero investire leader, imprenditori e manager. Parla anche del nuovo tipo di aziende, figlie della Doppia Accelerazione, e del nuovo paradigma dell’azienda diffusa.

Team acceleration. La Pandemia sta generando una grande rivoluzione all’interno delle logiche e delle strategie di collaborazione e leadership nei team. Ciò ha determinato la necessità delle aziende di accedere a talenti con una profonda conoscenza e consapevo- lezza del dominio e delle tecnologie cognitive. Questa sezione aiuta a portare chiarezza nelle nuove dinamiche di lavoro digitale che includono il teaming nella sua versione più estrema, il body renting 2.0 e le nuove misurazioni del successo delle imprese, compreso l’indice di profitto esistenziale.

Il 2021 penso che sarà l’anno di vera transizione verso nuove economie e nuovi equilibri tra quello che siamo abituati a fare nel mondo reale e quello che abbiamo imparato a costruire in quello digitale.
Servirà tutta la contaminazione e sincerità possibile per imparare a orientarsi.

Alberto Mattiello
Direttore del progetto «Future Thinking» di Wunderman Thompson

 

Foto di copertina di Viateur Hwang da Unsplash  

Inviaci la tua storia di innovazione
 
banner newsroom desk
banner newsroom mobile

Menu

loghi di Blum

Che cosa facciamo

Blum è una società di consulenza specializzata nel comunicare l’innovazione. Costruiamo opportunità di business e di open innovation integrando tre aree d’azione:


1. Strategie e strumenti di comunicazione corporate
Analizziamo il potenziale dei nostri clienti e costruiamo piani editoriali su misura. Creiamo contenuti estraendo valore dalle loro storie. Dai magazine ai blog, dai video ai social network.


2. Ufficio stampa e media relations
Siamo professionisti dell’informazione, parte di una rete internazionale di contatti in continua evoluzione. Web, carta stampata, radio e televisione: trasformiamo le storie dei nostri clienti in notizie.


3. Eventi
e lead generation
Progettiamo strategie di PR ed eventi online, onlife e in presenza. Possiamo contare su competenze professionali ed esperienza nel settore fieristico e nel sistema degli eventi.

 

Cosa possiamo fare per te:
media relations, conferenze stampa, comunicati stampa, piani editoriali, press tour, podcast, articoli per blog, gestione di eventi, progettazione di eventi, webinar, innovation village, startup competition, comunicazione per campagne di equity crowdfunding, copertura di eventi dal vivo, libri, magazine cartacei e online, social media management (Facebook, Instagram, LinkedIn, Clubhouse, Twitch, Twitter…), pianificazione ADV, rassegna stampa, moderazione di incontri…

Team

Siamo un team multidisciplinare con competenze specifiche nei campi della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e del business matching.

Luca Barbieri

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, appassionato di innovazione, imprenditore, presentatore TV, insegna linguaggio giornalistico all’Università di Padova. Ha lavorato per oltre dieci anni in RCS, contribuendo alla creazione di Corriere Innovazione. È consulente per imprese innovative e istituzioni che operano nei campi della ricerca e del trasferimento tecnologico. La sua missione è costruire ponti e connessioni. Con ogni mezzo necessario.

Domenico Lanzilotta

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, ha anni di esperienza nella carta stampata. Per oltre dieci anni ha aiutato diverse organizzazioni a usare a proprio vantaggio la comunicazione per stimolare il proprio business. Attraverso formazione e ricerca, accompagna professionisti e imprese in percorsi di miglioramento, grazie a strategie e pratiche di comunicazione che generano risultati tangibili.

Francesca Ponzecchi

Founding partner
Professionista delle pubbliche relazioni e cofondatrice di Blum, da più di vent’anni si occupa di pianificazione e realizzazione di eventi e strategie di networking. Ha lavorato per dieci anni nell’area marketing per RCS. Appassionata di innovazione, ha contribuito alla creazione di Corriere Innovazione. Crede nel valore di relazioni e sinergie per sviluppare business sostenibili.

Massimiliano Cortivo

Head of content & media relations
Giornalista, in Blum dal 2017, coordina le attività editoriali e si occupa di consulenza strategica per i clienti. Concepisce piani editoriali crossmediali e cura le media relations a livello nazionale e internazionale. Per tredici anni redattore al Corriere del Veneto (RCS). È laureato in lingue e letterature straniere.

Content & media relations

Enrico Albertini

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2014. Crea, elabora e coordina progetti editoriali crossmediali. Ha lavorato con numerosi giornali, tra cui Il Mattino di Padova e Corriere del Veneto (RCS). È anche portavoce del rettore dell’Università di Padova. Laureato in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in giornalismo.

Silvia Pagliuca

Content & projects strategist
Giornalista, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nella comunicazione per le aziende. Scrive di innovazione, lavoro e sostenibilità per giornali e riviste di settore. Laureata in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in gestione della comunicazione sociale, politica e istituzionale e un master in giornalismo.

Giulio Todescan

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2015, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nell’ambito della comunicazione, ufficio stampa e media relations. Ha collaborato per dieci anni come freelance numerose testate, tra cui Corriere del Veneto (RCS). È tra i promotori di “Working Title Film Festival” e ha co-diretto due film documentari. È laureato in scienze della comunicazione.

Giulia Cimpanelli

Innovation content specialist
Giornalista, si occupa di consulenza nella comunicazione, creazione di contenuti e social media management. Esperta di innovazione, startup ed economia, collabora con il Corriere della Sera da oltre dieci anni, principalmente con gli inserti L’Economia e Corriere Innovazione. Ha scritto per diverse testate: StartupItalia, Millionaire, Donna Moderna, TTG Italia, Glamour, Myself, Iodonna e altre.

Alessandro Di Stefano

Innovation content specialist
Giornalista, esperto di innovazione, startup e tecnologia, crea contenuti, news e cura la gestione di pagine social. Dal 2018 collabora con StartupItalia. Ha esperienza nel giornalismo ambientale: collaboratore di Rivista BC, collaboratore e social media manager per FIAB. Laureato in storia, ha conseguito un master in giornalismo.

Andrea Fasulo

Content & media relations specialist
Giornalista e copywriter, si occupa di strategie editoriali, produzione di contenuti e media relations. Ha lavorato nel campo del patrimonio culturale, collaborato con numerose testate, tra cui Il Sole 24 Ore, e accumulato esperienza nelle relazioni con i giornalisti sia da freelance che per agenzie di comunicazione. È laureato in storia contemporanea.

Denise Faticante

Media relations specialist
Giornalista e comunicatrice. Si occupa di relazioni con i media, di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Per vent’anni anni ha lavorato per numerose testate, passando dalla carta stampata al web alle agenzie di stampa. Tra le principali esperienze il gruppo editoriale E Polis e le agenzie LaPresse e AdnKronos. Laureata in lettere classiche.

Alexander Ginestous

Content & media relations specialist
Giornalista, in Blum dal 2018, si occupa di ufficio stampa, media relations e social media management per imprese ed eventi. Cura inoltre lo sviluppo di progetti editoriali crossmediali. È un collaboratore del quotidiano Alto Adige e scrive contenuti per diversi siti di ambito sportivo affiliati alla Gazzetta dello Sport. È laureato in scienze della comunicazione.

Andreas Inama

Content specialist
Specializzato in analisi e monitoraggio dei media. È stato supervisore dei team delle dirette per la piattaforma di notizie sportive spox.com, poi responsabile marketing in Pro-Tec Italia, prima di lavorare come giornalista freelance per Salto.bz. È laureato in scienza della traduzione e in media e comunicazione.

Susanne Pitro

Content specialist
Giornalista con esperienza in carta stampata, TV e media online, specializzata in economia e scienza. Ha lavorato per anni in testate locali come Dolomiten, ff - Das Südtiroler Wochenmagazin, salto.bz, fa parte dell'ufficio stampa della Libera Università di Bolzano e crea contenuti per diversi prodotti editoriali e televisivi. Laureata in economia, ha conseguito un master in giornalismo.

Giacomo Porra

Cross-media content specialist
In Blum dal 2020, crea contenuti crossmediali alternandosi tra scrittura, video, grafica e social media management. È sempre alla ricerca di forme di comunicazione nuove, creative, intriganti e coinvolgenti. È laureato in scienze della comunicazione.

Lead generation, events, operations

Nicola Maioli

Graphics & operations strategist
Consulente di comunicazione specializzato nel graphic design. Dal 1999 si occupa di progetti di comunicazione sviluppando strumenti online e offline e nell’organizzazione di eventi. Ha collaborato al lancio di alcuni dorsi locali e prodotti di RCS, collabora da 20 anni con Fondazione Città della Speranza.

Mara Scotto

Lead generation & events strategist
Project manager, coordina progetti ed eventi e sviluppa nuove opportunità di incontro tra le imprese. Per oltre dieci anni è stata product manager per le edizioni di Campania e Puglia del Corriere del Mezzogiorno (RCS). Vive e lavora a Milano. È laureata in lettere moderne.

Sara Menaldo

Lead generation & events specialist
In Blum dal 2018, per eventi connessi all’innovazione esplora il panorama imprenditoriale e si occupa delle pubbliche relazioni. Appassionata di organizzazione di eventi, progetti culturali e storytelling, è laureata in lingue moderne e ha conseguito un master in management degli eventi e delle attività culturali.

Erika Zaniolo

Administration & operations specialist
In Blum dal 2019, si occupa principalmente degli aspetti amministrativi dell’azienda e fornisce supporto di segreteria alla redazione e all’organizzazione degli eventi. Ha lavorato per dodici anni in un’agenzia di viaggi di Padova. È diplomata in ragioneria.

Case Studies

Una selezione di storie di successo che, grazie al nostro lavoro, sono diventate titoli di giornale.

Clienti

Imprese

logo Leitner
logo infocamere
logo Niederstatter
logo Enovia
logo Delcon
logo Hiref
logo Unicredit
logo Cattolica
logo Dompe
logo Rai
logo Cisco
logo Repower
logo Prinoth
logo Sapra
logo Rentmas
logo Letwind
logo Demaclenko
logo Pohl
logo Maico
logo Kalawy
logo EZ Lab
logo
logo Akiflow
logo Domi
logo Jonix
logo Yape
logo Fybra

Sistemi

logo Verona Fiera
logo PadovaFiere
logo Fiera Bolzano
logo Noi
logo Unismart
logo Smact
logo Area Science Park
logo IDM
logo Veneto Innovazione
logo Confindustria
logo Issnaf
logo Venetwork
logo Regione
logo Assindustria
logo Bolzano
logo CNA

Consulenza e formazione

logo Ca Foscari
logo Unipd
logo Unive
logo Azzurro Digitale
logo Azzurro Digitale
logo tree
logo Aquarium
logo Noonic
logo Auxiell
logo Kaizen
logo Bering
Logo Sace
logo Adecco
logo Forema
logo Irecoop
logo Ascom Pd
logo Guerini
logo Forbes

Contatti

Mandaci un messaggio!

Leggi la policy completa


Blum. Business as a medium
+39.049.0982982blum@blum.vision
Bolzano • Piazza Fiera, 1
Milano • Via Magolfa, 8
Padova • Via Redipuglia, 20

Privacy e Cookie Policy

Policy Privacy e Cookie

Informativa
La presente informativa, resa ai sensi dell’art. 13 del d.lgs. 196/2003 (Codice Privacy), riguarda le modalità di trattamento dei dati personali degli utenti che interagiscono con il sito www.blum.vision con esclusione di eventuali siti di terze parti raggiungibili tramite link, sui quali il Titolare del trattamento non ha alcun controllo.

Titolare del trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali è BLUM COMUNICAZIONE Via Tre Santi, 1
39100 Bolzano

Finalità e modalità del trattamento
Il sito raccoglie in modo automatico alcuni dati degli utenti che lo visitano e che sono indispensabili per la consultazione del sito stesso.
I dati personali conferiti dagli utenti attraverso il sito vengono trattati esclusivamente per svolgere attività di informazione, promozione, assistenza e vendita dei suoi prodotti.
I dati raccolti potranno essere comunicati a terzi, quali incaricati esterni del trattamento, per i medesimi fini di cui sopra.
I dati personali degli utenti sono trattati con modalità sia automatizzate che non automatizzate per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. I dati di accesso possono essere utilizzati, in modo anonimo, a fini statistici. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti e accessi non autorizzati.

Conferimento dei dati
Il conferimento dei dati da parte degli utenti, salvo quanto specificato circa i dati indispensabili alla corretta consultazione del sito, è facoltativo. Tuttavia, il loro conferimento sarà necessario per esigenze di comunicazione o qualora l’utente voglia usufruire dei servizi offerti dal sito.

Cookie
Il sito utilizza cookie, piccoli file di testo denominati salvati nel dispostitivo dell’utente, per ottimizzare l’esperienza di navigazione e i servizi offerti.
Cookie Tecnici
Questa tipologia di cookie permette il corretto funzionamento di alcune sezioni del Sito. Possono essere persistenti, ovvero cancellati alla scadenza impostata, o di sessione, ovvero cancellati una volta chiuso il browser.
Cookie analitici
I cookie in questa categoria vengono utilizzati per collezionare informazioni statistiche al fine di migliorare l’utilizzo del Sito e per rendere i contenuti più interessanti e attinenti ai desideri dell’utenza.
Cookie di analisi di servizi di terze parti
Questi cookie sono utilizzati al fine di raccogliere informazioni sull’uso del Sito da parte degli utenti in forma anonima quali: pagine visitate, tempo di permanenza, origini del traffico di provenienza, provenienza geografica, età, genere e interessi ai fini di campagne di marketing. Questi cookie sono inviati da domini di terze parti esterni al Sito.
Cookie per integrare prodotti e funzioni di software di terze parti
Questa tipologia di cookie integra funzionalità sviluppate da terzi all’interno delle pagine del Sito come le icone e le preferenze espresse nei social network al fine di condivisione dei contenuti del sito o per l’uso di servizi software di terze parti (come i software per generare le mappe e ulteriori software che offrono servizi aggiuntivi). Questi cookie sono inviati da domini di terze parti e da siti partner che offrono le loro funzionalità tra le pagine del Sito.
Cookie di profilazione
Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall’utente all’interno delle pagine del Sito.
Accedendo al sito, l’utente acconsente all’utilizzo di cookie tecnici ed analitici, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.
Per tutte le altre tipologie di cookie il consenso può essere espresso dall’Utente con una o più di una delle seguenti modalità:

  • Mediante specifiche configurazioni del browser utilizzato o dei relativi programmi informatici utilizzati per navigare le pagine che compongono il Sito.
  • Mediante modifica delle impostazioni nell’uso dei servizi di terze parti

Entrambe queste soluzioni potrebbero impedire all’utente di utilizzare o visualizzare parti del Sito.

Cookie utilizzati

  • _ga – persistente – usato per distinguere gli utenti – necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 2 anni
  • _gat –– utilizzato per accelerare i tempi di caricamento della pagina, necessario al servizio di terze parti Google Analytics. Dura 10 minuti
  • cookie_notice_accepted: controlla se è stato premuto il pulsante che accetta i cookie in questo sito: dura 1 anno

Chrome

  • Eseguire il Browser Chrome
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Impostazioni
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  • Nella sezione “Cookie” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Consentire il salvataggio dei dati in locale
    • Modificare i dati locali solo fino alla chiusura del browser
    • Impedire ai siti di impostare i cookie
    • Bloccare i cookie di terze parti e i dati dei siti
    • Gestire le eccezioni per alcuni siti internet
    • Eliminazione di uno o tutti i cookie

Mozilla Firefox

  • Eseguire il Browser Mozilla Firefox
  • Fare click sul menù presente nella barra degli strumenti del browser a fianco della finestra di inserimento url per la navigazione
  • Selezionare Opzioni
  • Seleziona il pannello Privacy
  • Fare clic su Mostra Impostazioni Avanzate
  • Nella sezione “Privacy” fare clic su bottone “Impostazioni contenuti
  • Nella sezione “Tracciamento” è possibile modificare le seguenti impostazioni relative ai cookie:
    • Richiedi ai siti di non effettuare alcun tracciamento
    • Comunica ai siti la disponibilità ad essere tracciato
    • Non comunicare alcuna preferenza relativa al tracciamento dei dati personali
  • Dalla sezione “Cronologia” è possibile:
    • Abilitando “Utilizza impostazioni personalizzate” selezionare di accettare i cookie di terze parti (sempre, dai siti più visitato o mai) e di conservarli per un periodo determinato (fino alla loro scadenza, alla chiusura di Firefox o di chiedere ogni volta)
    • Rimuovere i singoli cookie immagazzinati

Internet Explorer

  • Eseguire il Browser Internet Explorer
  • Fare click sul pulsante Strumenti e scegliere Opzioni Internet
  • Fare click sulla scheda Privacy e nella sezione Impostazioni modificare il dispositivo di scorrimento in funzione dell’azione desiderata per i cookie:
    • Bloccare tutti i cookie
    • Consentire tutti i cookie
    • Selezione dei siti da cui ottenere cookie: spostare il cursore in una posizione intermedia in modo da non bloccare o consentire tutti i cookie, premere quindi su Siti, nella casella Indirizzo Sito Web inserire un sito internet e quindi premere su Blocca o Consenti

Safari 6

  • Eseguire il Browser Safari
  • Fare click su Safari, selezionare Preferenze e premere su Privacy
  • Nella sezione Blocca Cookie specificare come Safari deve accettare i cookie dai siti internet.
  • Per visionare quali siti hanno immagazzinato i cookie cliccare su Dettagli

Safari iOS (dispositivi mobile)

  • Eseguire il Browser Safari iOS
  • Tocca su Impostazioni e poi Safari
  • Tocca su Blocca Cookie e scegli tra le varie opzioni: “Mai”, “Di terze parti e inserzionisti” o “Sempre”
  • Per cancellare tutti i cookie immagazzinati da Safari, tocca su Impostazioni, poi su Safari e infine su Cancella Cookie e dati

Opera

  • Eseguire il Browser Opera
  • Fare click sul Preferenze poi su Avanzate e infine su Cookie
  • Selezionare una delle seguenti opzioni:
    • Accetta tutti i cookie
    • Accetta i cookie solo dal sito che si visita: i cookie di terze parti e che vengono inviati da un dominio diverso da quello che si sta visitando verranno rifiutati
    • Non accettare mai i cookie: tutti i cookie non verranno mai salvati

Come disabilitare i cookie di servizi di terzi

Diritti degli interessati
L’utente ha diritto di ottenere, in qualsiasi momento, la conferma dell’esistenza o meno di dati a lui riferiti e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, la rettificazione oppure la cancellazione secondo quanto riportato nell’art. 7 d.lgs. n. 196/03.
Le richieste possono essere inviate a:
BLUM COMUNICAZIONE SRL
Via Tre Santi, 1
39100 Bolzano
amministrazione@blumcomunicazione.com