banner Profile Mobile

Social e potere
La libertà d'espressione può essere «privata»?

immagine

La notizia dell’acquisto di Twitter da parte di Elon Musk, che del social network in questione è sempre stato grande utilizzatore, ha riportato al centro del dibattito pubblico quella che è anche la più grande incognita circa il modo in cui Twitter cambierà nei prossimi anni: il rapporto tra il principio della libertà di espressione e le limitazioni che i provider di servizi come i social network, che sono delle aziende private, applicano a questo principio.

Se da un lato la scalata di Musk, secondo molti osservatori, è motivata anche dalla volontà di rendere Twitter un luogo scevro da ogni moderazione dei contenuti, dall’altro va osservato come negli ultimi anni i principali social network abbiano moltiplicato i loro sforzi per arginare sia la diffusione dell’odio e della violenza verbale, sia le notizie false.

twitter

In linea di principio non ci sarebbe nulla di problematico: che le notizie false e il cosiddetto hate speech rappresentino un problema sociale è una considerazione condivisa dai più, e infatti non è questo l’oggetto del contendere. Il fulcro del dibattito è il ruolo che hanno i social network, in quanto aziende private investite di una funzionalità del tutto pubblica, nel decretare quale sia un contenuto violento, o falso, e in ultima istanza chi possa o non possa mantenere il suo diritto di parola su quella piattaforma.

Trump, you’re fired!

Il punto più estremo di questo cortocircuito si è concretizzato il 6 gennaio 2021, con la sospensione «all’unanimità» degli account social dell’allora presidente uscente americano Donald Trump a poche ore dall’insurrezione in Campidoglio.

Trump fu sospeso in seguito alla pubblicazione di video che rischiavano, a detta delle stesse piattaforme, di inasprire gli scontri in corso. Il tema fu subito chiaro: dato il ruolo pubblico dei social network, in quanto medium utilizzato da una larga parte di popolazione, è legittima, nell’interesse pubblico, la limitazione della capacità comunicativa di una persona a insindacabile giudizio di un’azienda privata? Tanto più se la persona in questione è la più importante figura istituzionale di un paese, certo, ma il ragionamento è il medesimo anche se si considera l’inviolabilità (teorica) della libertà di espressione di ogni singolo individuo.

Il rischio dell’anarchia online

Dall’altro lato ci sono i pericoli di una totale anarchia sui contenuti che circolano online. Tornando a Musk, le discussioni sul futuro di Twitter hanno già allarmato soprattutto le persone appartenenti a gruppi marginalizzati. Come ha notato Gilad Edelman su Wired, «consentire di dire qualsiasi cosa sia legale significherebbe esporre Twitter al razzismo, all’antisemitismo, all’omofobia, all’incitamento alla violenza espliciti, e a cose peggiori ancora». Se Musk non sembra avere problemi nel gestire i suoi haters, Angela Watercutter sempre su Wired fa notare come il Ceo di Tesla sembri «non capire che ricevere minacce di morte nelle menzioni è probabilmente molto più spaventoso quando non si è l’uomo più ricco del mondo».

fake news

Una sentenza del Tribunale dell’Aquila

Neanche da un punto di vista giuridico la questione sembra del tutto chiara. La libertà di espressione è un principio inviolabile in tutte le democrazie occidentali, e in generale in quasi tutti i paesi dove i principali social network vengono utilizzati. Succede però che questa si scontri con le regole che ogni piattaforma si dà per tutelare la propria community – o, più realisticamente, non indisporre gli inserzionisti.

Il Tribunale dell’Aquila ha recentemente deliberato proprio su questo sottile confine, ritenendo lecite le azioni di «censura» verso contenuti pesantemente offensivi in modo diretto, ma non verso quelli che esprimano manifestazioni del pensiero, anche se riferite a movimenti la cui apologia è considerata reato, come il fascismo.

La questione del potere

C’è poi il capitolo fake news: soprattutto con l’avvento della pandemia – e sulla spinta di anni di trumpismo e di polarizzazione e politicizzazione di ogni aspetto del dibattito pubblico – tutti i social network hanno messo in campo azioni decise per arginarne la diffusione. Su questo tema la legge italiana è abbastanza chiara, sanzionando la «pubblicazione di notizie false, esagerate o tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico» con qualsiasi mezzo. Anche qui riemerge il tema del potere, che nel caso dell’ecosistema social, a differenza di quanto avviene se ci limitiamo a considerare il normale decorso della giustizia all’interno di uno stato, resta in mano a un’entità privata, che delibera in modo autonomo – pur con vari gradi di trasparenza, dettati però solo dal suo senso di responsabilità sociale.

L’UE vuole responsabilizzare le piattaforme

Una svolta in questo senso l’ha data l’Unione Europea raggiungendo ad aprile un accordo politico sul Digital Services Act (DSA). La legge europea si basa sul principio che «ciò che è illegale offline debba essere a tutti gli effetti illegale anche online», come ha spiegato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

Il DSA sancisce una nuova importante forma di responsabilizzazione delle piattaforme, imponendo diversi obblighi verso quelle con più di 45 milioni di utenti attivi in Ue – social network ma anche provider di servizi come Microsoft o siti di e-commerce come Amazon e Zalando. Le piattaforme dovranno, oltre che verificare l’identità dei propri fornitori (norma che vale soprattutto per gli e-commerce), anche moderare i contenuti caricati dagli utenti sulla base delle norme vigenti nei rispettivi paesi, rimuovendo i contenuti illegali e sospendendo gli utenti recidivi.

È previsto anche quello che viene definito un «meccanismo di reazione» da attivare in casi di crisi (come la guerra in Ucraina) per adottare misure nei confronti delle piattaforme che contribuiscono alla diffusione di notizie false. Il DSA dovrebbe entrare in vigore nei prossimi mesi e, almeno in Europa, non c’è Musk che tenga.

Roberto Rafaschieri
Content & social media specialist, Blum

Immagini:
Elon Musk: Shutterstock

Twitter: Photo by Akshar Dave🌻 on Unsplash
Manifestante: Photo by Z on Unsplash

Inviaci la tua storia di innovazione
 
banner newsroom desk
banner newsroom mobile

Menu

loghi di Blum

Che cosa facciamo

Blum è una società di consulenza specializzata nel comunicare l’innovazione. Costruiamo opportunità di business e di open innovation integrando tre aree d’azione:


1. Strategie e strumenti di comunicazione corporate
Analizziamo il potenziale dei nostri clienti e costruiamo piani editoriali su misura. Creiamo contenuti estraendo valore dalle loro storie. Dai magazine ai blog, dai video ai social network.


2. Ufficio stampa e media relations
Siamo professionisti dell’informazione, parte di una rete internazionale di contatti in continua evoluzione. Web, carta stampata, radio e televisione: trasformiamo le storie dei nostri clienti in notizie.


3. Eventi
e lead generation
Progettiamo strategie di PR ed eventi online, onlife e in presenza. Possiamo contare su competenze professionali ed esperienza nel settore fieristico e nel sistema degli eventi.

 

Cosa possiamo fare per te:
media relations, conferenze stampa, comunicati stampa, piani editoriali, press tour, podcast, articoli per blog, newsletter, gestione di eventi, progettazione di eventi, webinar, innovation village, startup competition, comunicazione per campagne di equity crowdfunding, copertura di eventi dal vivo, libri, magazine cartacei e online, social media management (Facebook, Instagram, LinkedIn, Clubhouse, Twitch, Twitter…), pianificazione ADV, rassegna stampa, moderazione di incontri…

Team

Siamo un team multidisciplinare con competenze specifiche nei campi della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e del business matching.

Luca Barbieri

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, appassionato di innovazione, imprenditore, presentatore TV, insegna linguaggio giornalistico all’Università di Padova. Ha lavorato per oltre dieci anni in RCS, contribuendo alla creazione di Corriere Innovazione. È consulente per imprese innovative e istituzioni che operano nei campi della ricerca e del trasferimento tecnologico. La sua missione è costruire ponti e connessioni. Con ogni mezzo necessario.

Domenico Lanzilotta

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, ha coordinato una rete di quotidiani locali. Da più di dieci anni aiuta imprese e organizzazioni a fare della comunicazione una leva di business e di evoluzione. Attraverso formazione e ricerca, accompagna professionisti e aziende lungo percorsi di miglioramento alla definizione di strategie e pratiche di comunicazione che generano risultati. Tangibili.

Francesca Ponzecchi

Founding partner
Professionista delle pubbliche relazioni e cofondatrice di Blum, da più di vent’anni si occupa di pianificazione e realizzazione di eventi e strategie di networking. Ha lavorato per dieci anni nell’area marketing per RCS. Appassionata di innovazione, ha contribuito alla creazione di Corriere Innovazione. Crede nel valore di relazioni e sinergie per sviluppare business sostenibili.

Massimiliano Cortivo

Head of content & media relations
Giornalista, in Blum dal 2017, coordina le attività editoriali e si occupa di consulenza strategica per i clienti. Concepisce piani editoriali crossmediali e cura le media relations a livello nazionale e internazionale. Per tredici anni redattore al Corriere del Veneto (RCS). È laureato in lingue e letterature straniere.

Content & media relations

Enrico Albertini

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2014. Crea, elabora e coordina progetti editoriali crossmediali. Ha lavorato con numerosi giornali, tra cui Il Mattino di Padova e Corriere del Veneto (RCS). È anche portavoce del rettore dell’Università di Padova. Laureato in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in giornalismo.

Silvia Pagliuca

Content & projects strategist
Giornalista, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nella comunicazione per le aziende. Scrive di innovazione, lavoro e sostenibilità per giornali e riviste di settore. Laureata in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in gestione della comunicazione sociale, politica e istituzionale e un master in giornalismo.

Giulio Todescan

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2015, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nell’ambito della comunicazione, ufficio stampa e media relations. Ha collaborato per dieci anni come freelance numerose testate, tra cui Corriere del Veneto (RCS). È tra i promotori di “Working Title Film Festival” e ha co-diretto due film documentari. È laureato in scienze della comunicazione.

Giulia Cimpanelli

Innovation content specialist
Giornalista, si occupa di consulenza nella comunicazione, creazione di contenuti e social media management. Esperta di innovazione, startup ed economia, collabora con il Corriere della Sera da oltre dieci anni, principalmente con gli inserti L’Economia e Corriere Innovazione. Ha scritto per diverse testate: StartupItalia, Millionaire, Donna Moderna, TTG Italia, Glamour, Myself, Iodonna e altre.

Valeria Costa

Media Relation Specialist
Press officer e comunicatrice. Gestisce le relazioni con i media nazionali e internazionali, occupandosi di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Ha lavorato per importanti aziende del settore moda, automotive e finanziario e collaborato con rilevanti agenzie di marketing e comunicazione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha un Master in Comunicazione d’Azienda.

Alessandro Di Stefano

Innovation content specialist
Giornalista, esperto di innovazione, startup e tecnologia, crea contenuti, news e cura la gestione di pagine social. Dal 2018 collabora con StartupItalia. Ha esperienza nel giornalismo ambientale: collaboratore di Rivista BC, collaboratore e social media manager per FIAB. Laureato in storia, ha conseguito un master in giornalismo.

Andrea Fasulo

Content & media relations specialist
Giornalista e copywriter, si occupa di strategie editoriali, produzione di contenuti e media relations. Ha lavorato nel campo del patrimonio culturale, collaborato con numerose testate, tra cui Il Sole 24 Ore, e accumulato esperienza nelle relazioni con i giornalisti sia da freelance che per agenzie di comunicazione. È laureato in storia contemporanea.

Denise Faticante

Media relations specialist
Giornalista e comunicatrice. Si occupa di relazioni con i media, di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Per vent’anni anni ha lavorato per numerose testate, passando dalla carta stampata al web alle agenzie di stampa. Tra le principali esperienze il gruppo editoriale E Polis e le agenzie LaPresse e AdnKronos. Laureata in lettere classiche.

Alexander Ginestous

Content & media relations specialist
Giornalista, in Blum dal 2018, si occupa di ufficio stampa, media relations e social media management per imprese ed eventi. Cura inoltre lo sviluppo di progetti editoriali crossmediali. È un collaboratore del quotidiano Alto Adige e scrive contenuti per diversi siti di ambito sportivo affiliati alla Gazzetta dello Sport. È laureato in scienze della comunicazione.

Andreas Inama

Content specialist
Specializzato in analisi e monitoraggio dei media. È stato supervisore dei team delle dirette per la piattaforma di notizie sportive spox.com, poi responsabile marketing in Pro-Tec Italia, prima di lavorare come giornalista freelance per Salto.bz. È laureato in scienza della traduzione e in media e comunicazione.

Susanne Pitro

Content specialist
Giornalista con esperienza in carta stampata, TV e media online, specializzata in economia e scienza. Ha lavorato per anni in testate locali come Dolomiten, ff - Das Südtiroler Wochenmagazin, salto.bz, fa parte dell'ufficio stampa della Libera Università di Bolzano e crea contenuti per diversi prodotti editoriali e televisivi. Laureata in economia, ha conseguito un master in giornalismo.

Giacomo Porra

Cross-media content specialist
In Blum dal 2020, crea contenuti crossmediali alternandosi tra scrittura, video, grafica e social media management. È sempre alla ricerca di forme di comunicazione nuove, creative, intriganti e coinvolgenti. È laureato in scienze della comunicazione.

Roberto Rafaschieri

Content & social media specialist
Giornalista, copywriter, e comunicatore specializzato in Diversity & Inclusion. In Blum dal 2021, svolge attività di ufficio stampa, media relations, social media management e si occupa della produzione di contenuti multimediali. Collabora con il quotidiano il mattino di Padova, ed è consulente per imprese e professionisti per la comunicazione inclusiva e l'accessibilità digitale. È laureato in filosofia.

Lead generation, event, operations

Nicola Maioli

Graphics & operations strategist
Consulente di comunicazione specializzato nel graphic design. Dal 1999 si occupa di progetti di comunicazione sviluppando strumenti online e offline e nell’organizzazione di eventi. Ha collaborato al lancio di alcuni dorsi locali e prodotti di RCS, collabora da 20 anni con Fondazione Città della Speranza.

Mara Scotto

Lead generation & event strategist
Project manager, coordina progetti ed eventi e sviluppa nuove opportunità di incontro tra le imprese. Per oltre dieci anni è stata product manager per le edizioni di Campania e Puglia del Corriere del Mezzogiorno (RCS). Vive e lavora a Milano. È laureata in lettere moderne.

Sara Menaldo

Lead generation & event specialist
In Blum dal 2018, per eventi connessi all’innovazione esplora il panorama imprenditoriale e si occupa delle pubbliche relazioni. Appassionata di organizzazione di eventi, progetti culturali e storytelling, è laureata in lingue moderne e ha conseguito un master in management degli eventi e delle attività culturali.

Erika Zaniolo

Administration & operations specialist
In Blum dal 2019, si occupa principalmente degli aspetti amministrativi dell’azienda e fornisce supporto di segreteria alla redazione e all’organizzazione degli eventi. Ha lavorato per dodici anni in un’agenzia di viaggi di Padova. È diplomata in ragioneria.

Clienti

Imprese

logo Leitner
logo infocamere
logo Niederstatter
logo Enovia
logo dolomitisuperski
logo Delcon
logo Zanze
logo Hiref
logo Unicredit
logo Cattolica
logo Dompe
logo Rai
logo Cisco
logo Repower
logo Prinoth
logo Forte secure
logo Veasyt
logo Sapra
logo Rentmas
logo Letwind
logo Demaclenko
logo Pohl
logo Maico
logo Kalawy
logo EZ Lab
logo
logo Akiflow
logo Domi
logo Jonix
logo Yape
logo Fybra

Sistemi

logo Verona Fiera
logo PadovaFiere
logo Fiera Bolzano
logo Noi
logo Unismart
logo Smact
logo Area Science Park
logo IDM
logo Veneto Innovazione
logo Festival del futuro
logo Fraunhofer
logo Confindustria
logo Issnaf
logo Venetwork
logo Regione
logo Assindustria
logo Bolzano
logo CNA
logo Venisia

Consulenza e formazione

logo Ca Foscari
logo Unipd
logo Unive
logo Azzurro Digitale
logo Azzurro Digitale
logo tree
logo Aquarium
logo Noonic
logo Auxiell
logo Kaizen
logo Bering
Logo Sace
logo Adecco
logo Forema
logo Irecoop
logo Ascom Pd
logo Guerini
logo Forbes

Contatti

Mandaci un messaggio!

Leggi la policy completa


Privacy e Cookie Policy

Policy Privacy e Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

Titolare del trattamento e nomina DPO
Il Titolare del trattamento è Blum Comunicazione srl (segreteria@blum.vision). Il Titolare del trattamento ha nominato un DPO (privacy@legalest.it).

 

Finalità del trattamento
Il trattamento viene svolto con la finalità di permettere le comunicazioni tra gli utenti ed il Titolare del trattamento, nonché per permettere a quest’ultimo una corretta ed efficiente gestione del sito web.

 

Base giuridica
Il trattamento è necessario al fine di dare esecuzione ad un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso (art. 6 c. 1 lett. b) GDPR).

 

Destinatari dei dati
I dati potranno essere comunicati a collaboratori del Titolare del trattamento.

 

Trasferimenti a organizzazioni internazionali
Possono essere utilizzati servizi informatici resi da organizzazioni internazionali in conformità con quanto prescritto dal GDPR. In particolare, il Titolare del trattamento utilizza servizi quali Dropbox (Codice di condotta CSA), Jotform (DPA), Mailchimp (Clausole contrattuali tipo).

 

Periodo di conservazione
I dati saranno conservati per il tempo necessario alla gestione della comunicazione richiesta, salvo obblighi e tutele di legge.

 

Diritti dell’interessato
L’Interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati, alla revoca del consenso e il diritto a proporre reclamo a un’autorità di controllo.

 

Conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è requisito necessario per un’eventuale richiesta di informazioni.