banner Profile Mobile

Te lo ricordi Clubhouse
Un anno dopo, nelle room si parla ancora

immagine

Google Trends sa essere spietato. Un anno fa, a cavallo tra gennaio e febbraio 2021, Clubhouse era il social network sulla bocca di tutti (noi ne scrivevamo qui), e sembrava l’alba di un’era destinata a schiudere nuove possibilità di comunicazione. A dicembre quella grande visione era stata già derubricata a miraggio, e l’app era malinconicamente transitata nelle classifiche semiserie dei più grandi flop dell’anno. Nel mezzo è successo di tutto: al di là di qualche incidente sul fronte della privacy, soprattutto quel sapore iniziale di esclusività – si entrava solo da iPhone, e solo se convocati da qualcuno già «nel club» – si è via via perso, prima con l’apertura agli utenti Android avvenuta in maggio, poi con la liberalizzazione dell’accesso, che dal luglio scorso non avviene più su invito.

Le mosse dei cofounder Paul Davison e Rohan Seth sono state giudicate da molti tardive, come una stalla aperta (anziché chiusa come vorrebbe il proverbio) quando i buoi erano ormai scappati. Vuoi per il venir meno del duro lockdown invernale – fattore inscindibile dalla fiammata iniziale del social –, vuoi per le contromisure che nel frattempo le Big Tech stavano prendendo, dando vita sulle proprie piattaforme a servizi di chat audio del tutto simili a Clubhouse. È proprio una di queste, Big G, a decretare con la spietata trasparenza dei numeri il crollo dell’interesse di massa per il primo social network basato sulla conversazione sincrona attraverso la voce. In Italia il picco delle ricerche del termine «Clubhouse» si tocca nella seconda settimana di febbraio 2021, un anno dopo il loro numero è crollato a meno di un decimo.


L’esodo dei Vip

Di questo declino si è iniziato a parlare già nella primavera del 2021, sulla scia dei dati al ribasso dei download della app. Ma dire che Clubhouse è morto sarebbe ingeneroso: è scemato l’hype e se ne sono andati i «Vip», ma la festa non è finita. Da un lato l’applicazione si è evoluta, correggendo alcune caratteristiche che la rendevano sì unica, ma anche poco interattiva e funzionale: ora è possibile riascoltare le conversazioni passate, condividere i link delle room ai propri contatti sulla piattaforma o su altri social, anche tagliando clip audio di 30 secondi che si ritengono particolarmente interessanti. È di questi giorni l’annuncio della sperimentazione di una versione per personal computer, tramite browser.

Dall’altro, forse il mezzo ha trovato una sua dimensione più congeniale, informale e rilassata. Da vero «club» insomma. Nelle prime settimane, la presenza di personaggi molto in vista del mondo dello spettacolo, della musica e degli affari aveva creato un cortocircuito tra star e pubblico, dando vita a uno strano mix di intimità e imbarazzo.

Rimarrà forse negli annali del web l’intervista-performance di Elon Musk che planò in una room all’apice della popolarità del social, cazzeggiando amabilmente per novanta minuti abbondanti. Meno memorabili altri siparietti a cui si assiteva in quelle settimane, come i surreali dialoghi tra Marco Montemagno e Michelle Hunziker (andiamo a memoria) che discorrevano dei fatti loro per la gioia di migliaia di utenti in ascolto. Dopo l’iniziale ebbrezza, grandi nomi e grandi network si sono presto ritirati da un territorio forse non ostile, ma che non sembrava offrire prospettive di monetizzazione nel breve periodo.

Chiacchiere, jam session e coworking

«Clubhouse è diventato una sorta di grande circolo». A dirlo è Antonio Gallucci, sassofonista e animatore di diverse room, gli eventi a tema, dedicate alla musica e ad altre passioni culturali. «In Italia gli utenti attivi saranno in tutto un migliaio – è la stima di Gallucci – con una buona fetta formata da addetti ai lavori. Sono nate nuove amicizie e occasioni di networking». Gallucci fa un uso piuttosto creativo del mezzo: «Il mio club, Italy Jazz Club! Live!!, conta 4300 membri e le dirette nelle singole room ne raccolgono spesso più di 200. Suono dal vivo o metto musica in streaming, come fosse una stazione radio. La sera a volte trasmettiamo delle jam session, con amici che suonano in presenza con me e, a volte, anche con altri musicisti collegati, nonostante qualche problema di latenza».

Il sassofonista suggerisce uno stretto collegamento tra le restrizioni anti-Covid e le presenze nelle stanze virtuali. «L’apertura agli utenti Android, l’anno scorso, ha portato a uno scarso incremento del pubblico – spiega – perché coincideva con le prime riaperture dopo il lockdown. Anche per questo i nuovi utenti entrati in quel periodo non se ne sono innamorati, perché sono arrivati in un periodo di stanca. Nelle ultime settimane, in contemporanea con il ritorno di parziali restrizioni e con il gran numero di persone che si trovano in auto-isolamento, ho notato un incremento delle presenze».

adam mckay clubhouse

Federico Cecchin è un illustratore e un anno fa co-creatore, insieme alle professioniste del markering Ana Maria Fella e Marta Basso, di «ClubItalia», la prima community italiana a nascere sul social network. «Vantava cento professionisti che creavano decine di room al giorno su argomenti variegati, dallo sport alla psicologia all’arte – racconta –. Un periodo bellissimo, pieno di entusiasmo. Oggi Clubhouse ha perso molte persone per strada». Cecchin si è ritagliato un ruolo di moderatore e di disegnatore dal vivo: «Ho messo sempre a disposizione la mia arte per rendere le room piacevoli e originali. In sostanza disegno delle vignette a tema con l’argomento di cui si discute e le condivido nella mia foto profilo per mostrarle a tutti».

Tra i club più attivi citati da Cecchin ci sono «Musica italiana», fondato da Francesco Altobelli e dal regista di videoclip Marco Salom, «Culturaitalia» di Andrea Valeri, «Mezzogiorno di gioco» curato da Luca Borsa e dedicato al gaming. Un aspetto interessante è quello del coworking: diversi professionisti usano le room per condividere il tempo di lavoro a distanza.

Netflix e NFT

Non potevano mancare gli NFT: su Clubhouse si incontrano artisti che stanno esplorando il mondo dei Non-Fungible-Token. E le celebrities non se ne sono andate del tutto. Il 14 gennaio è stata organizzata una visione collettiva del film Don’t Look Up con il regista Adam McKay collegato in diretta.

Navigando tra le stanze virtuali salta all’occhio un vuoto, quello dei gruppi dedicati a marketing, startup e tecnologia che spuntavano come funghi nelle settimane dell’hype, soppiantati da argomenti di conversazione meno impegnativi e seriosi. Come se le persone cercassero un flusso sonoro che faccia loro compagnia durante la giornata, più che una vetrina dove mettere in mostra le proprie skill professionali. Come una radio, insomma, ma con in più la possibilità di contribuire in prima persona alla costruzione del palinsesto.

Twitter, Facebook e LinkedIn

A prescindere dalle evoluzioni di Clubhouse, e da dove lo porterà la ricerca di una sua specifica dimensione, il dato innegabile è che il social per sole voci ha costretto tutti i competitor a ripensarsi integrando funzioni audio, sulla scia del crescente successo dei contenuti da ascoltare, certificato già ben prima di Clubhouse dall’ascesa del podcast. Il 2021 è stato un anno caratterizzato dal succedersi di questi aggiornamenti.

Il primo a muoversi è stato Twitter, che il 3 maggio ha lanciato Spaces, molto simile a Clubhouse ma con maggiore interazione tra gli utenti. Di conseguenza in Italia, ad esempio, una piccola ma influente «bolla» di giornalisti e commentatori dei fatti politici del giorno si è trasferita sul social cinguettante, in qualche modo «ritornando a casa».

In ottobre è arrivata anche in Italia la mossa di Mark Zuckerberg con le Live Audio Room, collegate a Messenger, dove è possibile creare stanze virtuali attivando anche il video. In modo simile, LinkedIn sta testando una soluzione per consentire eventi virtuali in diretta, che dovrebbe concretizzarsi in un primo momento solo in modalità audio e successivamente anche in video. Una scelta che mira a integrare, oltre alle funzionalità tipiche di Clubhouse, soprattutto quelle delle piattaforme di videoconferenza che, da Zoom in giù, con la pandemia sono divenute parte della vita quotidiana per milioni di persone in tutto il mondo.

Giulio Todescan
Content & media relations strategist, Blum

 

Photo by William Krause on Unsplash

Inviaci la tua storia di innovazione
 
banner newsroom desk
banner newsroom mobile

Menu

loghi di Blum

Che cosa facciamo

Blum è una società di consulenza specializzata nel comunicare l’innovazione. Costruiamo opportunità di business e di open innovation integrando tre aree d’azione:


1. Strategie e strumenti di comunicazione corporate
Analizziamo il potenziale dei nostri clienti e costruiamo piani editoriali su misura. Creiamo contenuti estraendo valore dalle loro storie. Dai magazine ai blog, dai video ai social network.


2. Ufficio stampa e media relations
Siamo professionisti dell’informazione, parte di una rete internazionale di contatti in continua evoluzione. Web, carta stampata, radio e televisione: trasformiamo le storie dei nostri clienti in notizie.


3. Eventi
e lead generation
Progettiamo strategie di PR ed eventi online, onlife e in presenza. Possiamo contare su competenze professionali ed esperienza nel settore fieristico e nel sistema degli eventi.

 

Cosa possiamo fare per te:
media relations, conferenze stampa, comunicati stampa, piani editoriali, press tour, podcast, articoli per blog, newsletter, gestione di eventi, progettazione di eventi, webinar, innovation village, startup competition, comunicazione per campagne di equity crowdfunding, copertura di eventi dal vivo, libri, magazine cartacei e online, social media management (Facebook, Instagram, LinkedIn, Clubhouse, Twitch, Twitter…), pianificazione ADV, rassegna stampa, moderazione di incontri…

Team

Siamo un team multidisciplinare con competenze specifiche nei campi della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e del business matching.

Luca Barbieri

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, appassionato di innovazione, imprenditore, presentatore TV, insegna linguaggio giornalistico all’Università di Padova. Ha lavorato per oltre dieci anni in RCS, contribuendo alla creazione di Corriere Innovazione. È consulente per imprese innovative e istituzioni che operano nei campi della ricerca e del trasferimento tecnologico. La sua missione è costruire ponti e connessioni. Con ogni mezzo necessario.

Domenico Lanzilotta

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, ha coordinato una rete di quotidiani locali. Da più di dieci anni aiuta imprese e organizzazioni a fare della comunicazione una leva di business e di evoluzione. Attraverso formazione e ricerca, accompagna professionisti e aziende lungo percorsi di miglioramento alla definizione di strategie e pratiche di comunicazione che generano risultati. Tangibili.

Francesca Ponzecchi

Founding partner
Professionista delle pubbliche relazioni e cofondatrice di Blum, da più di vent’anni si occupa di pianificazione e realizzazione di eventi e strategie di networking. Ha lavorato per dieci anni nell’area marketing per RCS. Appassionata di innovazione, ha contribuito alla creazione di Corriere Innovazione. Crede nel valore di relazioni e sinergie per sviluppare business sostenibili.

Massimiliano Cortivo

Head of content & media relations
Giornalista, in Blum dal 2017, coordina le attività editoriali e si occupa di consulenza strategica per i clienti. Concepisce piani editoriali crossmediali e cura le media relations a livello nazionale e internazionale. Per tredici anni redattore al Corriere del Veneto (RCS). È laureato in lingue e letterature straniere.

Content & media relations

Enrico Albertini

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2014. Crea, elabora e coordina progetti editoriali crossmediali. Ha lavorato con numerosi giornali, tra cui Il Mattino di Padova e Corriere del Veneto (RCS). È anche portavoce del rettore dell’Università di Padova. Laureato in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in giornalismo.

Silvia Pagliuca

Content & projects strategist
Giornalista, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nella comunicazione per le aziende. Scrive di innovazione, lavoro e sostenibilità per giornali e riviste di settore. Laureata in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in gestione della comunicazione sociale, politica e istituzionale e un master in giornalismo.

Giulio Todescan

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2015, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nell’ambito della comunicazione, ufficio stampa e media relations. Ha collaborato per dieci anni come freelance numerose testate, tra cui Corriere del Veneto (RCS). È tra i promotori di “Working Title Film Festival” e ha co-diretto due film documentari. È laureato in scienze della comunicazione.

Giulia Cimpanelli

Innovation content specialist
Giornalista, si occupa di consulenza nella comunicazione, creazione di contenuti e social media management. Esperta di innovazione, startup ed economia, collabora con il Corriere della Sera da oltre dieci anni, principalmente con gli inserti L’Economia e Corriere Innovazione. Ha scritto per diverse testate: StartupItalia, Millionaire, Donna Moderna, TTG Italia, Glamour, Myself, Iodonna e altre.

Valeria Costa

Media Relation Specialist
Press officer e comunicatrice. Gestisce le relazioni con i media nazionali e internazionali, occupandosi di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Ha lavorato per importanti aziende del settore moda, automotive e finanziario e collaborato con rilevanti agenzie di marketing e comunicazione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha un Master in Comunicazione d’Azienda.

Alessandro Di Stefano

Innovation content specialist
Giornalista, esperto di innovazione, startup e tecnologia, crea contenuti, news e cura la gestione di pagine social. Dal 2018 collabora con StartupItalia. Ha esperienza nel giornalismo ambientale: collaboratore di Rivista BC, collaboratore e social media manager per FIAB. Laureato in storia, ha conseguito un master in giornalismo.

Andrea Fasulo

Content & media relations specialist
Giornalista e copywriter, si occupa di strategie editoriali, produzione di contenuti e media relations. Ha lavorato nel campo del patrimonio culturale, collaborato con numerose testate, tra cui Il Sole 24 Ore, e accumulato esperienza nelle relazioni con i giornalisti sia da freelance che per agenzie di comunicazione. È laureato in storia contemporanea.

Denise Faticante

Media relations specialist
Giornalista e comunicatrice. Si occupa di relazioni con i media, di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Per vent’anni anni ha lavorato per numerose testate, passando dalla carta stampata al web alle agenzie di stampa. Tra le principali esperienze il gruppo editoriale E Polis e le agenzie LaPresse e AdnKronos. Laureata in lettere classiche.

Alexander Ginestous

Content & media relations specialist
Giornalista, in Blum dal 2018, si occupa di ufficio stampa, media relations e social media management per imprese ed eventi. Cura inoltre lo sviluppo di progetti editoriali crossmediali. È un collaboratore del quotidiano Alto Adige e scrive contenuti per diversi siti di ambito sportivo affiliati alla Gazzetta dello Sport. È laureato in scienze della comunicazione.

Andreas Inama

Content specialist
Specializzato in analisi e monitoraggio dei media. È stato supervisore dei team delle dirette per la piattaforma di notizie sportive spox.com, poi responsabile marketing in Pro-Tec Italia, prima di lavorare come giornalista freelance per Salto.bz. È laureato in scienza della traduzione e in media e comunicazione.

Susanne Pitro

Content specialist
Giornalista con esperienza in carta stampata, TV e media online, specializzata in economia e scienza. Ha lavorato per anni in testate locali come Dolomiten, ff - Das Südtiroler Wochenmagazin, salto.bz, fa parte dell'ufficio stampa della Libera Università di Bolzano e crea contenuti per diversi prodotti editoriali e televisivi. Laureata in economia, ha conseguito un master in giornalismo.

Giacomo Porra

Cross-media content specialist
In Blum dal 2020, crea contenuti crossmediali alternandosi tra scrittura, video, grafica e social media management. È sempre alla ricerca di forme di comunicazione nuove, creative, intriganti e coinvolgenti. È laureato in scienze della comunicazione.

Roberto Rafaschieri

Content & social media specialist
Giornalista, copywriter, e comunicatore specializzato in Diversity & Inclusion. In Blum dal 2021, svolge attività di ufficio stampa, media relations, social media management e si occupa della produzione di contenuti multimediali. Collabora con il quotidiano il mattino di Padova, ed è consulente per imprese e professionisti per la comunicazione inclusiva e l'accessibilità digitale. È laureato in filosofia.

Lead generation, event, operations

Nicola Maioli

Graphics & operations strategist
Consulente di comunicazione specializzato nel graphic design. Dal 1999 si occupa di progetti di comunicazione sviluppando strumenti online e offline e nell’organizzazione di eventi. Ha collaborato al lancio di alcuni dorsi locali e prodotti di RCS, collabora da 20 anni con Fondazione Città della Speranza.

Mara Scotto

Lead generation & event strategist
Project manager, coordina progetti ed eventi e sviluppa nuove opportunità di incontro tra le imprese. Per oltre dieci anni è stata product manager per le edizioni di Campania e Puglia del Corriere del Mezzogiorno (RCS). Vive e lavora a Milano. È laureata in lettere moderne.

Sara Menaldo

Lead generation & event specialist
In Blum dal 2018, per eventi connessi all’innovazione esplora il panorama imprenditoriale e si occupa delle pubbliche relazioni. Appassionata di organizzazione di eventi, progetti culturali e storytelling, è laureata in lingue moderne e ha conseguito un master in management degli eventi e delle attività culturali.

Erika Zaniolo

Administration & operations specialist
In Blum dal 2019, si occupa principalmente degli aspetti amministrativi dell’azienda e fornisce supporto di segreteria alla redazione e all’organizzazione degli eventi. Ha lavorato per dodici anni in un’agenzia di viaggi di Padova. È diplomata in ragioneria.

Clienti

Imprese

logo Leitner
logo infocamere
logo Niederstatter
logo Enovia
logo dolomitisuperski
logo Delcon
logo Zanze
logo Hiref
logo Unicredit
logo Cattolica
logo Dompe
logo Rai
logo Cisco
logo Repower
logo Prinoth
logo Forte secure
logo Veasyt
logo Sapra
logo Rentmas
logo Letwind
logo Demaclenko
logo Pohl
logo Maico
logo Kalawy
logo EZ Lab
logo
logo Akiflow
logo Domi
logo Jonix
logo Yape
logo Fybra

Sistemi

logo Verona Fiera
logo PadovaFiere
logo Fiera Bolzano
logo Noi
logo Unismart
logo Smact
logo Area Science Park
logo IDM
logo Veneto Innovazione
logo Festival del futuro
logo Fraunhofer
logo Confindustria
logo Issnaf
logo Venetwork
logo Regione
logo Assindustria
logo Bolzano
logo CNA
logo Venisia

Consulenza e formazione

logo Ca Foscari
logo Unipd
logo Unive
logo Azzurro Digitale
logo Azzurro Digitale
logo tree
logo Aquarium
logo Noonic
logo Auxiell
logo Kaizen
logo Bering
Logo Sace
logo Adecco
logo Forema
logo Irecoop
logo Ascom Pd
logo Guerini
logo Forbes

Contatti

Mandaci un messaggio!

Leggi la policy completa


Privacy e Cookie Policy

Policy Privacy e Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

Titolare del trattamento e nomina DPO
Il Titolare del trattamento è Blum Comunicazione srl (segreteria@blum.vision). Il Titolare del trattamento ha nominato un DPO (privacy@legalest.it).

 

Finalità del trattamento
Il trattamento viene svolto con la finalità di permettere le comunicazioni tra gli utenti ed il Titolare del trattamento, nonché per permettere a quest’ultimo una corretta ed efficiente gestione del sito web.

 

Base giuridica
Il trattamento è necessario al fine di dare esecuzione ad un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso (art. 6 c. 1 lett. b) GDPR).

 

Destinatari dei dati
I dati potranno essere comunicati a collaboratori del Titolare del trattamento.

 

Trasferimenti a organizzazioni internazionali
Possono essere utilizzati servizi informatici resi da organizzazioni internazionali in conformità con quanto prescritto dal GDPR. In particolare, il Titolare del trattamento utilizza servizi quali Dropbox (Codice di condotta CSA), Jotform (DPA), Mailchimp (Clausole contrattuali tipo).

 

Periodo di conservazione
I dati saranno conservati per il tempo necessario alla gestione della comunicazione richiesta, salvo obblighi e tutele di legge.

 

Diritti dell’interessato
L’Interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati, alla revoca del consenso e il diritto a proporre reclamo a un’autorità di controllo.

 

Conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è requisito necessario per un’eventuale richiesta di informazioni.