banner Profile Mobile

Content war
La sfida tra i giganti dell'industria dei videogame

immagine

La cifra con cui Microsoft si è aggiudicata ZeniMax Media e lo studio di sviluppo Bethesda (dietro al successo planetario dello sparatutto Doom) hanno scosso stampa e appassionati di videogiochi. Era il settembre 2020 e la casa di Redmond – attiva nel campo gaming da un ventennio con Xbox – aveva sborsato oltre 7,5 miliardi di dollari. Somma notevole. Dunque come si potrebbe definire quella messa nero su bianco dall’azienda in un comunicato del 18 gennaio che annuncia l’acquisizione di Activision Blizzard nel giro dei prossimi due anni? Parliamo di 68,7 miliardi di dollari.

Per chi non conoscesse il panorama videoludico globale, Activision potrebbe dire poco. Ma senz’altro i suoi titoli hanno fatto breccia anche al di fuori della cerchia dei gamer: Call of Duty, Crash, StarCraft sono soltanto alcuni dei videogiochi famosi in tutto il mondo creati dalla software house californiana. Stando agli esperti è la più grossa operazione degli ultimi tempi, motivo per cui il 18 gennaio 2022 potrebbe rappresentare una data storica per l’ecosistema.

I videogiochi, asset strategico nel metaverso

Ma cosa ci racconta la mossa di Microsoft? Partiamo da quanto detto dall’amministratore delegato, Satya Nadella: «Il gaming è la categoria più dinamica nell’intrattenimento […] e giocherà un ruolo chiave nello sviluppo delle piattaforme del metaverso. Stiamo investendo in contenuti di livello mondiale, nella community e nel cloud per inaugurare una nuova era di divertimento che metta giocatori e creatori al primo posto e renda il gioco sicuro, inclusivo e accessibile a tutti».

La buzzword, di nuovo, è metaverso. Da quando l’ex gruppo Facebook si è ribattezzato in Meta questa parola è entrata nel vocabolario dell’innovazione. E lo abbiamo visto anche all’ultimo CES 2022 a Las Vegas. Del metaverso, però, non sappiamo ancora nulla se non quanto più volte ribadito su una nuova feeling of presence che la nuova tecnologia darà agli utenti. Difficile capire come verrà declinato nel campo dei videogiochi.

Satya Nadella

Subscription economy

Restiamo dunque ai fatti. Con quasi 70 miliardi di dollari Microsoft si è aggiudicato un gigante del settore e va così ad arricchire la propria potenza di sviluppo, creatrice e ingegneristica, per produrre i titoli tripla A del prossimo decennio. Agli occhi dei gamer questo è senz’altro un elemento potenzialmente positivo, soprattutto perché Microsoft ha sposato una linea precisa in un’ottica di inclusione. Se non giocate da parecchio, sappiate che il Game Pass di Microsoft rappresenta una libreria in continuo aggiornamento con i titoli del momento disponibili su abbonamento. Pagando dunque una cifra annuale un gamer ha a disposizione decine di titoli, proprio come per le serie in una piattaforma di streaming. È il giocatore che decide a cosa giocare, senza l’ansia di fallire un acquisto (magari oneroso) di un titolo che alla fine potrebbe non piacergli.

Dalla console war alla content war

Un tempo il dibattito videoludico ruotava attorno alla questione della console war. Nintendo contro Sega, Sony contro Microsoft. Una lotta tra piattaforme di gioco. Oggi non è più così: come si legge su IGN la console war è diventata una content war, nella quale acquisizioni e fusioni potrebbero aumentare. Le console (PS5 &Co) rimangono imprescindibili, ma è l’ecosistema di gioco (spesso online) a fare la differenza nella scelta dei giocatori. Ad oggi Microsoft è il terzo soggetto gaming più forte al mondo per entrate (viene dopo Tencent e Sony) e deve competere tanto con i soggetti storici del settore, quanto con i nuovi arrivati (Meta ha i visori Oculus e sta esplorando la realtà virtuale). E poi ci sono i giocatori, sempre più agnostici e disposti a dare una chance ai titoli, magari acquistando più di una console.

I rischi per i produttori indie

I rischi tuttavia ci sono: non è detto che la potenza di queste contraeree del gaming produca per forza titoli di successo. Che ruolo verrà dato alla creatività in ambienti così grandi e strutturati? È una domanda lecita soprattutto perché è proprio dalle startup del gaming che spesso arrivano le idee e i prodotti più belli e originali. Poi c’è la questione oligopolio e regolamenti: in molti si ricorderanno gli scontri tra Microsoft e la Commissione Europea. Se è vero che Oltreoceano gli occhi sono stati puntati soprattutto contro Big Tech come Facebook (soprattutto per via del tema fake news e social), non è detto che Microsoft non desti preoccupazione per quanto riguarda la questione concorrenza.

L’elefante nella stanza: la Cina

Non si potrebbe però ragionare di videogiochi senza citare l’azienda che domina il mercato. Ci riferiamo a Tencent (e, di conseguenza, anche alla Cina). Se è vero che Pechino ha dato di recente una stretta ai videogiochi – definiti da un giornale vicino al governo una droga elettronica – con un regolamento che in buona sostanza limita le ore di divertimento online per i giocatori, il paese resta un mercato impossibile da ignorare.

Tencent, lo abbiamo anticipato poco sopra, è la più grande azienda del settore. L’hanno definita il gigante invisibile: in Occidente siamo sempre concentrati sul trio Sony, Microsoft e Nintendo. Nel frattempo ha investito ovunque: da Epic Games (software house dietro al successo planetario di Fortnite) fino a Riot Games (che controlla un’altra killer app come League of Legends). È di fatto diventato il gate d’accesso se si vuole commercializzare un videogioco in Cina.

Microsoft, Tencent, Sony e Nintendo: i giganti sono in campo. E lo è anche l’effervescente ecosistema indie. La posta in gioco? Conquistare le ore di divertimento dei gamer di tutto il mondo.

Alessandro Di Stefano
Innovation content specialist, Blum

 

In copertina: foto Shutterstock
All’interno: il Ceo di Microsoft Satya Nadella parla al Mobile World Congress di Barcellona (da news.microsoft.com)

Inviaci la tua storia di innovazione
 
banner newsroom desk
banner newsroom mobile

Menu

loghi di Blum

Che cosa facciamo

Blum è una società di consulenza specializzata nel comunicare l’innovazione. Costruiamo opportunità di business e di open innovation integrando tre aree d’azione:


1. Strategie e strumenti di comunicazione corporate
Analizziamo il potenziale dei nostri clienti e costruiamo piani editoriali su misura. Creiamo contenuti estraendo valore dalle loro storie. Dai magazine ai blog, dai video ai social network.


2. Ufficio stampa e media relations
Siamo professionisti dell’informazione, parte di una rete internazionale di contatti in continua evoluzione. Web, carta stampata, radio e televisione: trasformiamo le storie dei nostri clienti in notizie.


3. Eventi
e lead generation
Progettiamo strategie di PR ed eventi online, onlife e in presenza. Possiamo contare su competenze professionali ed esperienza nel settore fieristico e nel sistema degli eventi.

 

Cosa possiamo fare per te:
media relations, conferenze stampa, comunicati stampa, piani editoriali, press tour, podcast, articoli per blog, newsletter, gestione di eventi, progettazione di eventi, webinar, innovation village, startup competition, comunicazione per campagne di equity crowdfunding, copertura di eventi dal vivo, libri, magazine cartacei e online, social media management (Facebook, Instagram, LinkedIn, Clubhouse, Twitch, Twitter…), pianificazione ADV, rassegna stampa, moderazione di incontri…

Team

Siamo un team multidisciplinare con competenze specifiche nei campi della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e del business matching.

Luca Barbieri

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, appassionato di innovazione, imprenditore, presentatore TV, insegna linguaggio giornalistico all’Università di Padova. Ha lavorato per oltre dieci anni in RCS, contribuendo alla creazione di Corriere Innovazione. È consulente per imprese innovative e istituzioni che operano nei campi della ricerca e del trasferimento tecnologico. La sua missione è costruire ponti e connessioni. Con ogni mezzo necessario.

Domenico Lanzilotta

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, ha coordinato una rete di quotidiani locali. Da più di dieci anni aiuta imprese e organizzazioni a fare della comunicazione una leva di business e di evoluzione. Attraverso formazione e ricerca, accompagna professionisti e aziende lungo percorsi di miglioramento alla definizione di strategie e pratiche di comunicazione che generano risultati. Tangibili.

Francesca Ponzecchi

Founding partner
Professionista delle pubbliche relazioni e cofondatrice di Blum, da più di vent’anni si occupa di pianificazione e realizzazione di eventi e strategie di networking. Ha lavorato per dieci anni nell’area marketing per RCS. Appassionata di innovazione, ha contribuito alla creazione di Corriere Innovazione. Crede nel valore di relazioni e sinergie per sviluppare business sostenibili.

Massimiliano Cortivo

Head of content & media relations
Giornalista, in Blum dal 2017, coordina le attività editoriali e si occupa di consulenza strategica per i clienti. Concepisce piani editoriali crossmediali e cura le media relations a livello nazionale e internazionale. Per tredici anni redattore al Corriere del Veneto (RCS). È laureato in lingue e letterature straniere.

Content & media relations

Enrico Albertini

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2014. Crea, elabora e coordina progetti editoriali crossmediali. Ha lavorato con numerosi giornali, tra cui Il Mattino di Padova e Corriere del Veneto (RCS). È anche portavoce del rettore dell’Università di Padova. Laureato in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in giornalismo.

Silvia Pagliuca

Content & projects strategist
Giornalista, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nella comunicazione per le aziende. Scrive di innovazione, lavoro e sostenibilità per giornali e riviste di settore. Laureata in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in gestione della comunicazione sociale, politica e istituzionale e un master in giornalismo.

Giulio Todescan

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2015, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nell’ambito della comunicazione, ufficio stampa e media relations. Ha collaborato per dieci anni come freelance con numerose testate, tra cui Corriere del Veneto (RCS). È tra i promotori di “Working Title Film Festival” e ha co-diretto due film documentari. È laureato in scienze della comunicazione.

Giulia Cimpanelli

Innovation content specialist
Giornalista, si occupa di consulenza nella comunicazione, creazione di contenuti e social media management. Esperta di innovazione, startup ed economia, collabora con il Corriere della Sera da oltre dieci anni, principalmente con gli inserti L’Economia e Corriere Innovazione. Ha scritto per diverse testate: StartupItalia, Millionaire, Donna Moderna, TTG Italia, Glamour, Myself, Iodonna e altre.

Valeria Costa

Media Relation Specialist
Press officer e comunicatrice. Gestisce le relazioni con i media nazionali e internazionali, occupandosi di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Ha lavorato per importanti aziende del settore moda, automotive e finanziario e collaborato con rilevanti agenzie di marketing e comunicazione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha un Master in Comunicazione d’Azienda.

Alessandro Di Stefano

Innovation content specialist
Giornalista, esperto di innovazione, startup e tecnologia, crea contenuti, news e cura la gestione di pagine social. Dal 2018 collabora con StartupItalia. Ha esperienza nel giornalismo ambientale: collaboratore di Rivista BC, collaboratore e social media manager per FIAB. Laureato in storia, ha conseguito un master in giornalismo.

Andrea Fasulo

Content & media relations specialist
Giornalista e copywriter, si occupa di strategie editoriali, produzione di contenuti e media relations. Ha lavorato nel campo del patrimonio culturale, collaborato con numerose testate, tra cui Il Sole 24 Ore, e accumulato esperienza nelle relazioni con i giornalisti sia da freelance che per agenzie di comunicazione. È laureato in storia contemporanea.

Denise Faticante

Media relations specialist
Giornalista e comunicatrice. Si occupa di relazioni con i media, di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Per vent’anni anni ha lavorato per numerose testate, passando dalla carta stampata al web alle agenzie di stampa. Tra le principali esperienze il gruppo editoriale E Polis e le agenzie LaPresse e AdnKronos. Laureata in lettere classiche.

Alexander Ginestous

Content & media relations specialist
Giornalista, in Blum dal 2018, si occupa di ufficio stampa, media relations e social media management per imprese ed eventi. Cura inoltre lo sviluppo di progetti editoriali crossmediali. È un collaboratore del quotidiano Alto Adige e scrive contenuti per diversi siti di ambito sportivo affiliati alla Gazzetta dello Sport. È laureato in scienze della comunicazione.

Andreas Inama

Content specialist
Specializzato in analisi e monitoraggio dei media. È stato supervisore dei team delle dirette per la piattaforma di notizie sportive spox.com, poi responsabile marketing in Pro-Tec Italia, prima di lavorare come giornalista freelance per Salto.bz. È laureato in scienza della traduzione e in media e comunicazione.

Susanne Pitro

Content specialist
Giornalista con esperienza in carta stampata, TV e media online, specializzata in economia e scienza. Ha lavorato per anni in testate locali come Dolomiten, ff - Das Südtiroler Wochenmagazin, salto.bz, fa parte dell'ufficio stampa della Libera Università di Bolzano e crea contenuti per diversi prodotti editoriali e televisivi. Laureata in economia, ha conseguito un master in giornalismo.

Roberto Rafaschieri

Content & social media specialist
Giornalista, copywriter, e comunicatore specializzato in Diversity & Inclusion. In Blum dal 2021, svolge attività di ufficio stampa, media relations, social media management e si occupa della produzione di contenuti multimediali. Collabora con il quotidiano il mattino di Padova, ed è consulente per imprese e professionisti per la comunicazione inclusiva e l'accessibilità digitale. È laureato in filosofia.

Lead generation, event, operations

Nicola Maioli

Graphics & operations strategist
Consulente di comunicazione specializzato nel graphic design. Dal 1999 si occupa di progetti di comunicazione sviluppando strumenti online e offline e nell’organizzazione di eventi. Ha collaborato al lancio di alcuni dorsi locali e prodotti di RCS, collabora da 20 anni con Fondazione Città della Speranza.

Mara Scotto

Lead generation & event strategist
Project manager, coordina progetti ed eventi e sviluppa nuove opportunità di incontro tra le imprese. Per oltre dieci anni è stata product manager per le edizioni di Campania e Puglia del Corriere del Mezzogiorno (RCS). Vive e lavora a Milano. È laureata in lettere moderne.

Sara Menaldo

Lead generation & event specialist
In Blum dal 2018, per eventi connessi all’innovazione esplora il panorama imprenditoriale e si occupa delle pubbliche relazioni. Appassionata di organizzazione di eventi, progetti culturali e storytelling, è laureata in lingue moderne e ha conseguito un master in management degli eventi e delle attività culturali.

Erika Zaniolo

Administration & operations specialist
In Blum dal 2019, si occupa principalmente degli aspetti amministrativi dell’azienda e fornisce supporto di segreteria alla redazione e all’organizzazione degli eventi. Ha lavorato per dodici anni in un’agenzia di viaggi di Padova. È diplomata in ragioneria.

Clienti

Imprese

logo Leitner
logo infocamere
logo Niederstatter
logo Enovia
logo dolomitisuperski
logo Delcon
logo Zanze
logo Hiref
logo Unicredit
logo Cattolica
logo Dompe
logo Rai
logo Cisco
logo Repower
logo Prinoth
logo Forte secure
logo Veasyt
logo Sapra
logo Rentmas
logo Letwind
logo Demaclenko
logo Pohl
logo Maico
logo Kalawy
logo EZ Lab
logo
logo Akiflow
logo Domi
logo Jonix
logo Yape
logo Fybra

Sistemi

logo Verona Fiera
logo PadovaFiere
logo Fiera Bolzano
logo Noi
logo Unismart
logo Smact
logo Area Science Park
logo IDM
logo Veneto Innovazione
logo Festival del futuro
logo Fraunhofer
logo Confindustria
logo Issnaf
logo Venetwork
logo Regione
logo Assindustria
logo Bolzano
logo CNA
logo Venisia

Consulenza e formazione

logo Ca Foscari
logo Unipd
logo Unive
logo Azzurro Digitale
logo Azzurro Digitale
logo tree
logo Aquarium
logo Noonic
logo Auxiell
logo Kaizen
logo Bering
Logo Sace
logo Adecco
logo Forema
logo Irecoop
logo Ascom Pd
logo Guerini
logo Forbes

Contatti

Mandaci un messaggio!

Leggi la policy completa


Privacy e Cookie Policy

Policy Privacy e Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

Titolare del trattamento e nomina DPO
Il Titolare del trattamento è Blum Comunicazione srl (segreteria@blum.vision). Il Titolare del trattamento ha nominato un DPO (privacy@legalest.it).

 

Finalità del trattamento
Il trattamento viene svolto con la finalità di permettere le comunicazioni tra gli utenti ed il Titolare del trattamento, nonché per permettere a quest’ultimo una corretta ed efficiente gestione del sito web.

 

Base giuridica
Il trattamento è necessario al fine di dare esecuzione ad un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso (art. 6 c. 1 lett. b) GDPR).

 

Destinatari dei dati
I dati potranno essere comunicati a collaboratori del Titolare del trattamento.

 

Trasferimenti a organizzazioni internazionali
Possono essere utilizzati servizi informatici resi da organizzazioni internazionali in conformità con quanto prescritto dal GDPR. In particolare, il Titolare del trattamento utilizza servizi quali Dropbox (Codice di condotta CSA), Jotform (DPA), Mailchimp (Clausole contrattuali tipo).

 

Periodo di conservazione
I dati saranno conservati per il tempo necessario alla gestione della comunicazione richiesta, salvo obblighi e tutele di legge.

 

Diritti dell’interessato
L’Interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati, alla revoca del consenso e il diritto a proporre reclamo a un’autorità di controllo.

 

Conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è requisito necessario per un’eventuale richiesta di informazioni.