banner Profile Mobile

Vino digitale
Nuovi mercati tra degustazioni online, delivery e spot

immagine

Da Campari a Uber, sono molti i marchi globali che investono nel vino, un settore che «ha vissuto il 2020 come uno spartiacque, in cui in pochi mesi sono state spazzate via decenni di certezze» secondo l’analisi dell’osservatorio WineMonitor di Nomisma. In Italia l’accelerazione (che Alberto Mattiello nel suo ultimo libro definisce doppia, e qui spieghiamo perché) si è materializzata in oltre 8 milioni di consumatori, il 27% del totale, che hanno scelto di acquistare le proprie bottiglie online. Due anni prima erano il 17%. Ma non solo: si sono trasferiti in modalità a distanza anche degustazioni, corsi, visite virtuali.

Ne abbiamo parlato nell’appuntamento «La corsa al vino digitale», ospitato il 14 aprile nel club Innovazione made in Italy su Clubhouse, con Marco Magnocavallo, fondatore di Tannico, Filippo Galanti, founder di Divinea, Francesco Magro, ceo e founder di Winelivery, Francesco Tiralongo, Ceo della cantina Baglio di Pianetto, Luca Pizzighella, brand manager di Signorvino, e con la moderazione di Giulia Cimpanelli.

Tannico e la svolta delle cantine

Tannico, nata nel 2012, proprio nel 2020 ha visto l’ingresso di Campari al 49% del suo capitale. E ormai integra al core business dell’e-commerca diverse soluzioni e servizi, dai corsi al wine bar fisico inaugurato a Milano.

«Non siamo certo stati i primi a vendere vino online in Italia, e negli ultimi anni ne sono cambiate di cose, in particolare l’approccio più aperto da parte dei consumatori – rileva il ceo Marco Magnocavallo –. Nell’ultimo anno è avvenuta una vera rivoluzione nel rapporto con le cantine, a cui diamo la possibilità di vendere ai loro clienti finali utilizzando i nostri strumenti digitali. Storicamente molte cantine erano frenate dalla paura di creare conflitti con altri canali distributivi, ma il Covid ha mescolato di nuovo tutte le carte».

Divinea, la degustazione è da casa

Lanciata nell’ottobre del 2019 dai due giovani ingegneri appassionati di vino Filippo Galanti e Matteo Ranghetti, Divinea propone esperienze di enoturismo come degustazioni e pranzi in cantina. L’impatto con la pandemia a pochi mesi dal lancio ha costretto a ricalibrare il modello in tempo record.

«La prima reazione è stata proporre degustazioni online, inventando un modello che abbiamo registrato con il marchio Smart tasting – spiega il cofounder Filippo Galanti –. Prevede la spedizione a casa di un kit per la degustazione online, con bottiglie anche di capacità inferiore al classico formato da 0,75 litri, e la prenotazione di una videocall con il produttore, all’orario e nella lingua che si preferisce». Una modalità che per Galanti «resterà anche oltre l’emergenza sanitaria, perché permette di mantenere una relazione tra cliente e produttore, che poi si concretizzerà al massimo dell’emozione con la visita in presenza alla cantina».

Winelivery: lo spot sembra censurato, ma è tutta strategia

Uno spot divertente, irriverente e citazionista è il biglietto da visita con cui Winelivery si è presentata al pubblico televisivo. Un approccio comunicativo aggressivo, decisamente eccentrico rispetto all’aura paludata che circonda il mondo degli appassionati di vino.

«Siamo di fatto un’azienda di comunicazione, e molto meno di prodotto – spiega il ceo e founder Francesco Magro –. Ci pensiamo come un’agenzia di marketing che lavora con tanti gruppi del beverage, rivolgendoci al cliente con un taglio molto pop. Abbiamo un catalogo molto ridotto rispetto ai competitor, il valore aggiunto è la velocità». Winelivery garantisce la consegna a casa di una bottiglia entro 30 minuti alla giusta temperatura, basta ordinarla dal portale o via app. Un servizio last minute per salvare una serata organizzata all’ultimo.

Lo spot gioca con questi elementi proponendo una rivisitazione delle celebre scena di sesso di gruppo di Arancia meccanica – il capolavoro di Stanley Kubrick di cui ricorrono i 50 anni – con la colonna sonora dell’allegro vivace del Guglielmo Tell di Rossini in versione accelerata. Si inizia con le effusioni di una coppia a cui poi si aggiunge un’altra donna, fino al gran finale con l’arrivo del vino e il brindisi a tre. Il commercial come prevedibile ha fatto parlare di sé, scatenando anche l’indignata protesta di un’associazione di spettatori cattolici.

Dopo le proteste lo spot è stato mandato in onda in una nuova versione, in cui i protagonisti sono solo due e non più tre. Una scelta che più di qualche spettatore ha pensato dettata da una qualche forma di censura. Francesco Magro svela com’è andata: «Abbiamo girato diverse versioni dello spot sia per avere dei backup, sia perché andando in onda in prime time con un contenuto a sfondo sessuale eravamo coscienti di correre dei rischi. Dopo aver visto alcune reazioni alla scena di sesso a tre, abiamo deciso di andare in onda con la nuova versione, creando così ulteriore hype. Tanti pensano che il primo spot sia stato censurato ma non è così: è stato un modo per far sì che si continuasse a parlarne». Una strategia ben orchestrata dall’inizio, quella di Winelivery, a dimostrazione di quanto la comunicazione sia un ingrediente sempre più decisivo nei modelli di business in cui entra in gioco l’intermediazione di app o portali web.

Baglio di Pianetto, spedire negli Usa senza far saltare i tappi

Francesco Tiralongo, ceo della cantina siciliana Baglio di Pianetto, ha portato il punto di vista del produttore. «L’e-commerce per noi è già un canale prioritario, come il delibery o altre formule innovative che arriveranno: l’aspetto essenziale, e il problema più grosso per le cantine, è farne un servizio d’eccellenza – spiega Tiralongo –. Dobbiamo riuscire ad essere veloci e performanti nella consegna, oltre che nei servizi aggiuntivi come degustazioni online o podcast, ma la difficoltà maggiore è nella logistica, che spesso comporta costi molto elevati e problemi di qualità. È successo che clienti negli Usa, ad esempio, ricevessero bottiglie con i tappi sollevati a causa di un trasporto non a giusta temperatura, o che stappassero e trovassero un prodotto di qualità scadente. Difficilmente tutto ciò si può fare in house, noi appoggiandoci al servizio WinePlatform di Tannico abbiamo superato molti ostacoli».

Signorvino, fare dell’enoteca un sistema

Fare dell’enoteca un servizio a sistema è l’obiettivo di Signorvino, marchio nato nel 2012 all’interno del gruppo Calzedonia. Qui il percorso, rispetto ad esempio a Tannico, è inverso: si parte dai locali fisici – enoteche e ristoranti – e da lì si sviluppano i servizi online. «La nostra idea è quella di avvicinare i giovani al mondo del vino, un po’ autoreferenziale ed elitario – spiega Luca Pizzighella, brand manager di Signorvino –. Lo facciamo rendendo l’enoteca un servizio a sistema. Nel 2019 stavamo allargando la rete dei ristoranti, arrivati a 21 in diverse città italiane, la pandemia ci ha limitato da quel punto di vista ma ha accelerato le  nostre strategie digitali, a partire dall’e-commerce, appoggiandoci alla forza di un gruppo come Calzedonia. Quando la pandemia passerà, crescerà il bisogno di convivialità e dell’esperienza fisica dell’incontro, molto più nel settore del vino che nel retail. Il futuro sarà sempre più fluido, con esperienze ibride tra negozi e servizi online».

 

Foto di copertina di Elisha Terada da Unsplash

Inviaci la tua storia di innovazione
 
banner newsroom desk
banner newsroom mobile

Menu

loghi di Blum

Che cosa facciamo

Blum è una società di consulenza specializzata nel comunicare l’innovazione. Costruiamo opportunità di business e di open innovation integrando tre aree d’azione:


1. Strategie e strumenti di comunicazione corporate
Analizziamo il potenziale dei nostri clienti e costruiamo piani editoriali su misura. Creiamo contenuti estraendo valore dalle loro storie. Dai magazine ai blog, dai video ai social network.


2. Ufficio stampa e media relations
Siamo professionisti dell’informazione, parte di una rete internazionale di contatti in continua evoluzione. Web, carta stampata, radio e televisione: trasformiamo le storie dei nostri clienti in notizie.


3. Eventi
e lead generation
Progettiamo strategie di PR ed eventi online, onlife e in presenza. Possiamo contare su competenze professionali ed esperienza nel settore fieristico e nel sistema degli eventi.

 

Cosa possiamo fare per te:
media relations, conferenze stampa, comunicati stampa, piani editoriali, press tour, podcast, articoli per blog, gestione di eventi, progettazione di eventi, webinar, innovation village, startup competition, comunicazione per campagne di equity crowdfunding, copertura di eventi dal vivo, libri, magazine cartacei e online, social media management (Facebook, Instagram, LinkedIn, Clubhouse, Twitch, Twitter…), pianificazione ADV, rassegna stampa, moderazione di incontri…

Team

Siamo un team multidisciplinare con competenze specifiche nei campi della comunicazione, dell’organizzazione di eventi e del business matching.

Luca Barbieri

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, appassionato di innovazione, imprenditore, presentatore TV, insegna linguaggio giornalistico all’Università di Padova. Ha lavorato per oltre dieci anni in RCS, contribuendo alla creazione di Corriere Innovazione. È consulente per imprese innovative e istituzioni che operano nei campi della ricerca e del trasferimento tecnologico. La sua missione è costruire ponti e connessioni. Con ogni mezzo necessario.

Domenico Lanzilotta

Founding partner
Giornalista e cofondatore di Blum, ha coordinato una rete di quotidiani locali. Da più di dieci anni aiuta imprese e organizzazioni a fare della comunicazione una leva di business e di evoluzione. Attraverso formazione e ricerca, accompagna professionisti e aziende lungo percorsi di miglioramento alla definizione di strategie e pratiche di comunicazione che generano risultati. Tangibili.

Francesca Ponzecchi

Founding partner
Professionista delle pubbliche relazioni e cofondatrice di Blum, da più di vent’anni si occupa di pianificazione e realizzazione di eventi e strategie di networking. Ha lavorato per dieci anni nell’area marketing per RCS. Appassionata di innovazione, ha contribuito alla creazione di Corriere Innovazione. Crede nel valore di relazioni e sinergie per sviluppare business sostenibili.

Massimiliano Cortivo

Head of content & media relations
Giornalista, in Blum dal 2017, coordina le attività editoriali e si occupa di consulenza strategica per i clienti. Concepisce piani editoriali crossmediali e cura le media relations a livello nazionale e internazionale. Per tredici anni redattore al Corriere del Veneto (RCS). È laureato in lingue e letterature straniere.

Content & media relations

Enrico Albertini

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2014. Crea, elabora e coordina progetti editoriali crossmediali. Ha lavorato con numerosi giornali, tra cui Il Mattino di Padova e Corriere del Veneto (RCS). È anche portavoce del rettore dell’Università di Padova. Laureato in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in giornalismo.

Silvia Pagliuca

Content & projects strategist
Giornalista, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nella comunicazione per le aziende. Scrive di innovazione, lavoro e sostenibilità per giornali e riviste di settore. Laureata in scienze della comunicazione, ha conseguito un master in gestione della comunicazione sociale, politica e istituzionale e un master in giornalismo.

Giulio Todescan

Content & media relations strategist
Giornalista, in Blum dal 2015, coordina progetti editoriali crossmediali e si occupa di consulenza nell’ambito della comunicazione, ufficio stampa e media relations. Ha collaborato per dieci anni come freelance numerose testate, tra cui Corriere del Veneto (RCS). È tra i promotori di “Working Title Film Festival” e ha co-diretto due film documentari. È laureato in scienze della comunicazione.

Giulia Cimpanelli

Innovation content specialist
Giornalista, si occupa di consulenza nella comunicazione, creazione di contenuti e social media management. Esperta di innovazione, startup ed economia, collabora con il Corriere della Sera da oltre dieci anni, principalmente con gli inserti L’Economia e Corriere Innovazione. Ha scritto per diverse testate: StartupItalia, Millionaire, Donna Moderna, TTG Italia, Glamour, Myself, Iodonna e altre.

Valeria Costa

Media Relation Specialist
Press officer e comunicatrice. Gestisce le relazioni con i media nazionali e internazionali, occupandosi di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Ha lavorato per importanti aziende del settore moda, automotive e finanziario e collaborato con rilevanti agenzie di marketing e comunicazione. Laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha un Master in Comunicazione d’Azienda.

Alessandro Di Stefano

Innovation content specialist
Giornalista, esperto di innovazione, startup e tecnologia, crea contenuti, news e cura la gestione di pagine social. Dal 2018 collabora con StartupItalia. Ha esperienza nel giornalismo ambientale: collaboratore di Rivista BC, collaboratore e social media manager per FIAB. Laureato in storia, ha conseguito un master in giornalismo.

Andrea Fasulo

Content & media relations specialist
Giornalista e copywriter, si occupa di strategie editoriali, produzione di contenuti e media relations. Ha lavorato nel campo del patrimonio culturale, collaborato con numerose testate, tra cui Il Sole 24 Ore, e accumulato esperienza nelle relazioni con i giornalisti sia da freelance che per agenzie di comunicazione. È laureato in storia contemporanea.

Denise Faticante

Media relations specialist
Giornalista e comunicatrice. Si occupa di relazioni con i media, di ufficio stampa e strategie di comunicazione. Per vent’anni anni ha lavorato per numerose testate, passando dalla carta stampata al web alle agenzie di stampa. Tra le principali esperienze il gruppo editoriale E Polis e le agenzie LaPresse e AdnKronos. Laureata in lettere classiche.

Alexander Ginestous

Content & media relations specialist
Giornalista, in Blum dal 2018, si occupa di ufficio stampa, media relations e social media management per imprese ed eventi. Cura inoltre lo sviluppo di progetti editoriali crossmediali. È un collaboratore del quotidiano Alto Adige e scrive contenuti per diversi siti di ambito sportivo affiliati alla Gazzetta dello Sport. È laureato in scienze della comunicazione.

Andreas Inama

Content specialist
Specializzato in analisi e monitoraggio dei media. È stato supervisore dei team delle dirette per la piattaforma di notizie sportive spox.com, poi responsabile marketing in Pro-Tec Italia, prima di lavorare come giornalista freelance per Salto.bz. È laureato in scienza della traduzione e in media e comunicazione.

Susanne Pitro

Content specialist
Giornalista con esperienza in carta stampata, TV e media online, specializzata in economia e scienza. Ha lavorato per anni in testate locali come Dolomiten, ff - Das Südtiroler Wochenmagazin, salto.bz, fa parte dell'ufficio stampa della Libera Università di Bolzano e crea contenuti per diversi prodotti editoriali e televisivi. Laureata in economia, ha conseguito un master in giornalismo.

Giacomo Porra

Cross-media content specialist
In Blum dal 2020, crea contenuti crossmediali alternandosi tra scrittura, video, grafica e social media management. È sempre alla ricerca di forme di comunicazione nuove, creative, intriganti e coinvolgenti. È laureato in scienze della comunicazione.

Lead generation, event, operations

Nicola Maioli

Graphics & operations strategist
Consulente di comunicazione specializzato nel graphic design. Dal 1999 si occupa di progetti di comunicazione sviluppando strumenti online e offline e nell’organizzazione di eventi. Ha collaborato al lancio di alcuni dorsi locali e prodotti di RCS, collabora da 20 anni con Fondazione Città della Speranza.

Mara Scotto

Lead generation & event strategist
Project manager, coordina progetti ed eventi e sviluppa nuove opportunità di incontro tra le imprese. Per oltre dieci anni è stata product manager per le edizioni di Campania e Puglia del Corriere del Mezzogiorno (RCS). Vive e lavora a Milano. È laureata in lettere moderne.

Sara Menaldo

Lead generation & event specialist
In Blum dal 2018, per eventi connessi all’innovazione esplora il panorama imprenditoriale e si occupa delle pubbliche relazioni. Appassionata di organizzazione di eventi, progetti culturali e storytelling, è laureata in lingue moderne e ha conseguito un master in management degli eventi e delle attività culturali.

Erika Zaniolo

Administration & operations specialist
In Blum dal 2019, si occupa principalmente degli aspetti amministrativi dell’azienda e fornisce supporto di segreteria alla redazione e all’organizzazione degli eventi. Ha lavorato per dodici anni in un’agenzia di viaggi di Padova. È diplomata in ragioneria.

Case Studies

Una selezione di storie di successo che, grazie al nostro lavoro, sono diventate titoli di giornale.

Clienti

Imprese

logo Leitner
logo infocamere
logo Niederstatter
logo Enovia
logo dolomitisuperski
logo Delcon
logo Hiref
logo Unicredit
logo Cattolica
logo Dompe
logo Rai
logo Cisco
logo Repower
logo Prinoth
logo Forte secure
logo Veasyt
logo Sapra
logo Rentmas
logo Letwind
logo Demaclenko
logo Pohl
logo Maico
logo Kalawy
logo EZ Lab
logo
logo Akiflow
logo Domi
logo Jonix
logo Yape
logo Fybra

Sistemi

logo Verona Fiera
logo PadovaFiere
logo Fiera Bolzano
logo Noi
logo Unismart
logo Smact
logo Area Science Park
logo IDM
logo Veneto Innovazione
logo Festival del futuro
logo Fraunhofer
logo Confindustria
logo Issnaf
logo Venetwork
logo Regione
logo Assindustria
logo Bolzano
logo CNA
logo Venisia

Consulenza e formazione

logo Ca Foscari
logo Unipd
logo Unive
logo Azzurro Digitale
logo Azzurro Digitale
logo tree
logo Aquarium
logo Noonic
logo Auxiell
logo Kaizen
logo Bering
Logo Sace
logo Adecco
logo Forema
logo Irecoop
logo Ascom Pd
logo Guerini
logo Forbes

Contatti

Mandaci un messaggio!

Leggi la policy completa


Privacy e Cookie Policy

Policy Privacy e Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 2016/679 (GDPR)

 

Titolare del trattamento e nomina DPO
Il Titolare del trattamento è Blum Comunicazione srl (segreteria@blum.vision). Il Titolare del trattamento ha nominato un DPO (privacy@legalest.it).

 

Finalità del trattamento
Il trattamento viene svolto con la finalità di permettere le comunicazioni tra gli utenti ed il Titolare del trattamento, nonché per permettere a quest’ultimo una corretta ed efficiente gestione del sito web.

 

Base giuridica
Il trattamento è necessario al fine di dare esecuzione ad un contratto di cui l’interessato è parte o all’esecuzione di misure precontrattuali adottate su richiesta dello stesso (art. 6 c. 1 lett. b) GDPR).

 

Destinatari dei dati
I dati potranno essere comunicati a collaboratori del Titolare del trattamento.

 

Trasferimenti a organizzazioni internazionali
Possono essere utilizzati servizi informatici resi da organizzazioni internazionali in conformità con quanto prescritto dal GDPR. In particolare, il Titolare del trattamento utilizza servizi quali Dropbox (Codice di condotta CSA), Jotform (DPA), Mailchimp (Clausole contrattuali tipo).

 

Periodo di conservazione
I dati saranno conservati per il tempo necessario alla gestione della comunicazione richiesta, salvo obblighi e tutele di legge.

 

Diritti dell’interessato
L’Interessato ha il diritto di chiedere al Titolare del trattamento l’accesso ai dati personali e la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano o di opporsi al loro trattamento, oltre al diritto alla portabilità dei dati, alla revoca del consenso e il diritto a proporre reclamo a un’autorità di controllo.

 

Conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è requisito necessario per un’eventuale richiesta di informazioni.